Il nuovo Milan riparte dalle glorie: Albertini può tornare

MADE IN MILAN

Il futuro dirigenziale del nuovo Milan dipenderà dalle scelte di Marco Fassone, nome che verrà ufficializzato dopo il closing, che in questo momento sono chiare e figlie di storie già viste e che hanno portato risultati, pensiamo al caso Juventus: un ritorno di una grande bandiera e grande qualità dirigenziale per riportare i rossoneri in vetta all’Europa. Dopo il no di Paolo Maldini, come riporta il Corriere dello Sport, il nome più gettonato è quello di Demetrio Albertini, che in passato lavorò così bene nella Federazione. Il nuovo ruolo, che coprirà l’ex regista rossonero, sarà quello del ministro degli esteri che sino a qualche giorno fa era ricoperto da Umberto Gandini.

DIRETTORE SPORTIVO

Il nuovo direttore sportivo invece arriverà dopo una sfida tra giganti, perchè a contendersi questo ruolo sono in tantissimi: Massimiliano Mirabelli, Daniele Pradè, Walter Sabatini e Riccardo Bigon. Il primo citato è sicuramente il nome più caldo e plausibile, attualmente capo-scouting nerazzurro. Certamente bisognerà ripartire da un mercato di Gennaio diverso da quello appena visto, perchè i rappresentanti della Sino-Europe Sports metteranno a disposizione alcuni fondi per raggiungere l’Europa e far tornare il Milan grande, forte e competitivo ma solo con grandi acquisti questo sarà possibile.

LASCIA UN COMMENTO