Tre gol in questo inizio di stagione e tanta voglia di raggiungere il prima possibile la salvezza in Lega Pro con il suo Melfi. Alessandro De Vena ha risposto in esclusiva alle nostre domande, dicendo la sua anche a proposito di mister Romaniello esonerato a fine settembre.

DE VENA: “CONTENTO A MELFI, OBIETTIVI A BREVE TERMINE”

Dopo tanti momenti difficili sono arrivate le prime gioie. Come giudichi il tuo momento?
“Sono molto contento e sto lavorando sodo per far sì che i miei obiettivi vadano in parallelo con quelli della squadra e della società”.

Per un attaccante i gol sono la cosa più importante, tu sei già a quota 3 con quello segnato in Coppa Italia di Lega Pro. Il tuo record di gol in Lega Pro è di 12 reti con l’Aversa Normanna. L’obiettivo è superarlo?
“Sto cercando di pormi obiettivi a breve scadenza, mi spiego: voglio dare il massimo nel quotidiano in modo da non potermi riproverare nulla, sicuro che riuscirò a raccogliere i frutti del mio lavoro. Il tempo dirà il resto”.

Perché la scelta di accettare Melfi? Cosa ti ha spinto a dire sì nonostante le offerte di Taranto, Paganese e Messina?
“Ho scelto Melfi perché l’istinto mi ha portato a farmi “cullare” dall’affetto e dalla grande volontà di una società e di uno staff che hanno manifestato forte interesse verso di me sia come calciatore che come persona”.

Sette partite tutte da titolare, inutile nascondere che sei il punto fermo di questa squadra anche dopo l’addio di mister Romaniello. Una tua considerazione su di lui?
“Grato a lui per la fiducia, anzi ne approfitto per fargli un grosso in bocca al lupo per la sua carriera sportiva e personale. Purtroppo ha pagato una serie di cose che non sta a me giudicare, ma il suo esonero rappresenta comunque un piccolo fallimento collettivo”.