La sosta per le nazionali, tra partite di qualificazione e match friendly, ci ha lasciato il tempo di ammirare i talenti nostrani tra le fila di Ventura, soprattutto attaccanti. Spiccano su tutti i due bomber, i due nuovi top-scorer dell’era del tecnico ligure: Ciro Immobile e Andrea Belotti. Per il primo quattro reti segnate da quando c’è stato il cambio alla guida della panchina azzurra, mentre per il “Gallo” tre. Facendo riferimento al campionato troviamo una situazione simile: Immobile nove gol con la Lazio e Belotti otto reti col Torino.

BELOTTI E IMMOBILE: SETTE GOL IN AZZURRO DA QUANDO VENTURA E’ IN PANCHINA

Le nostre due punte sono giovani, entrambi sono fisicamente simili. Principalmente destri, ma hanno dimostrato di segnare anche col mancino all’occorrenza. La loro altezza e stazza li aiuta nel gioco aereo e a colpire di testa. Freddi e letali quando si trovano in area di rigore o a tu per tu con il portiere avversario. Entrambi rigoristi della propria squadra quando serve prendersi la responsabilità del tiro secco.

Il CT azzurro non può che essere soddisfatto della coppia di centravanti. Come dichiara lui stesso li conosce e li ha voluti. Ammette quasi sottovoce come fosse una speranza, o una sua scommessa, che i due possono prendersi la Nazionale.

Per il momento i fatti (gol e risultati) danno ragione a Ventura e ai suoi due pupilli. Ma Immobile e Belotti dovranno continuare a meritarsi la convocazione. Il posto da titolare non è scontato, sembrerà strano ma ultimamente l’Italia si sta riscoprendo nazione di talenti offensivi. Da prestare attenzione a quel Mario Balotelli che sta facendo bene e potrebbe essere il prossimo protagonista della nostra rubrica The Italian Job.