Fiorentina, assalto del Tianjin per Kalinic: la situazione

La pista che porta Nikola Kalinic in Cina è sempre più calda.

Stando a quanto riporta la www.calciomercato.com, il club allenato da Cannavaro avrebbe in tasca l’accordo con la Fiorentina, e starebbe aspettando la decisione del giocatore. Inoltre, il dt viola Pantaleo Corvino, è stato avvistato in giornata a Milano, dove avrebbe incontrato gli intermediari della trattativa e concluso virtualmente l’affare.

ACCORDO FIORENTINA- TIANJIN PER KALINIC

Eppure, nei giorni scorsi, la questione Kalinic ha vissuto una fase di stallo, su entrambi i fronti.

Le nuove direttive del governo cinese, infatti, hanno limitato notevolmente le manovre dei club, impedendogli di schierare non più di 3 giocatori stranieri, e abbassando il numero massimo in rosa a 5. La Fiorentina, inoltre, non vorrebbe lasciar partire il croato senza prima aver trovato il sostituto, e le parole di Corvino prima del match contro la Juventus confermano la posizione dei viola: “Abbiamo inserito preventivamente una clausola (da 45 milioni, ndr) nel contratto del giocatore, al momento non abbiamo ricevuto offerte”.

A quanto sembra, a due giorni da quest’intervista, l’offerta è arrivata, e la cifra accordata si aggira tra i 38 e i 43 milioni di euro, molto vicina alla clausola di cui parlava Corvino.

LA PALLA ORA PASSA A KALINIC

Quindi, se la situazione tra Fiorentina e Tianjin sembra essere chiarita, altrettanto non si può dire per quella che riguarda Kalinic e il suo agente. L’attaccante classe ’88 ha infatti chiesto tempo per prendere una decisione importante, per lui e per la sua famiglia.

L’offerta avanzata dal club cinese ha le sembianze del treno che passa una volta sola, e a queste cifre è difficile dire di no. Dello stesso avviso è il dg della “Viola” Andrea Rogg, che in un’intervista ha ammesso la difficoltà della Fiorentina a fronteggiare certe avances: “È chiaro che rifiutare certe offerte è difficile e che anche il giocatore davanti a queste proposte faccia delle riflessioni. Se un giocatore si vede decuplicare l’ingaggio è chiaro che questo pone delle difficoltà alla società d’appartenenza”.

Kalinic dunque prende tempo, e la Fiorentina lo utilizzerà per cercare un sostituto all’altezza. Certo è che acquistare un centravanti da 45 milioni di euro nel mercato di gennaio non sarà facile, e questo potrebbe rallentare la trattativa, che comunque sembra essere in via di sviluppo.

LASCIA UN COMMENTO