Italia, prossima fermata: Russia 2018

0
299
«Penso che l’Italia sta sfornando una nidiata importante di giocatori e ragazzi con la testa a posto che hanno senso di appartenenza e responsabilità. Mi auguro che già nel 2018 saremo una Nazionale di valore e livello. A partire dal 2020 sicuramente fino al ’26-’28 avremo una delle Nazionali più importanti dell’ultimo ventennio»

Così ha parlato Gigi Buffon al termine di Sampdoria-Juventus dello scorso 19 marzo.
Il capitano bianconero e della Nazionale ha espresso in poche parole due concetti fondamentali per il futuro degli Azzurri.

Il primo si trova nell’ultima frase; secondo il portierone azzurro, dal 2020 avremo la nazionale più forte degli ultimi 20 anni. Il secondo invece, è quello per cui già nel 2018 bisogna avere una “Nazionale di valore e livello”.

LA NAZIONALE PIÙ FORTE DELL’ ULTIMO VENTENNIO

Gioventù al potere. Come ammette lo stesso Ventura, il c.t. della Nazionale dovrà confrontarsi con un problema insolito quanto gradevole: l’abbondanza di talenti giovani e la loro gestione.

Già, perché mai come adesso, Coverciano pullula di giocatori talentuosi, in ogni reparto del campo. Gli stage indetti da Conte e proseguiti da Ventura stesso, stanno portando alla luce una notevole quantità di materiale per l’Italia che verrà.  Pensiamo a Donnarumma, Barreca, Gagliardini, Locatelli, Pellegrini e Petagna. Tutti giocatori che giocano regolarmente nei propri club e stanno disputando un’ottima stagione. Non ci sorprenderemmo due/tre di questi venissero convocati per i prossimi Mondiali di Russia 2018. Questo perché nonostante la giovane età (il più grande è classe 1994), si tratta di giocatori talentuosi, che rappresentano già una certezza per il presente delle rispettive squadre.

Andre Petagna, classe 1995
Andre Petagna, classe 1995

Donnarumma poi, è un caso a parte:

Le parate contro l’Olanda nell’ultima amichevole degli Azzurri, lasciano presagire un futuro radioso per il dopo-Buffon.
Le parate contro l’Olanda nell’ultima amichevole degli Azzurri, lasciano presagire un futuro radioso per il dopo-Buffon.

La stessa Under 21, allenata da Gigi Di Biagio, si sta rivelando un’ottima fucina di talenti. Con gli Azzurrini si stanno mettendo in luce diversi giocatori, che presto o tardi entreranno nel giro della Nazionale maggiore. Chiesa, Berardi e Benassi su tutti.

In sintesi, diciamo che il tanto temuto “ricambio generazionale”, non dovrebbe rivelarsi così drastico. Vero, Chiellini, Marchisio, Barzagli, Buffon e De Rossi verosimilmente lasceranno la Nazionale dopo il 2018; ma è anche vero che Romagnoli, Verratti, Rugani, Donnarumma e Locatelli stanno seguendo le orme dei loro predecessori, meravigliosamente. Parliamo infatti di 5 giocatori chiave di squadre come Milan, Juventus, Inter e PSG, di cui Verratti (92) è il più grande.

Immagine correlata
Marco Verratti: terzo calciatore italiano, dopo Raffaele Costantino (nel 1929) e Massimo Maccarone (nel 2002), ad aver esordito in Nazionale senza aver prima giocato nella massima serie del campionato italiano
RUSSIA 2018 INCOMBE

Buffon parla della necessità di avere una squadra pronta per affrontare i prossimi mondiali. Questa Nazionale, è pronta? Si e no.

Il primo scoglio è rappresentato dalla classifica. Il girone G ci vede secondi, a +4 dalla terza e a pari merito con la Spagna capolista. Sarà decisivo lo scontro diretto in terra iberica, programmato per il 2 settembre. Altra variabile a sfavore, è la differenza reti, che a momento premia la squadra di Lopetegui. In caso di arrivo al secondo posto, l’Italia dovrà sperare di rientrare nelle 8 migliori seconde e partecipare ai play-off.

Cattura nazionale

Dalla loro, gli Azzurri, hanno la possibilità di disporre di una rosa variegata, equilibrata e talentuosa: giocatori pronti per la campagna di Russia. Difesa e centrocampo, godono da tempo di meccanismi ben oliati e collaudati. La vera novità rappresenta il reparto offensivo.

Mentre negli ultimi anni i centravanti scarseggiavano, oggi Ventura può permettersi di non convocare Balotelli o Pellè, senza che nessuno se ne accorga.

Belotti ed Immobile si sono presi la Nazionale a suon di gol, da tempo ormai. Sono i due giocatori italiani ad aver segnato più reti in questo 2017, e Immobile in particolare, è il giocatore ad aver segnato più gol sotto la gestione Ventura (6). Dietro i due bomber scalpitano i vari Insigne, Eder, Petagna, Bernardeschi, Zaza, Gabbiadini…

Cattura nazionao
fonte: www.whoscored.com

In conclusione: dove può arrivare quest’Italia, sarà solo il tempo a dircelo; nel frattempo, il lavoro di Ventura sta dando i suoi primi frutti, che lasciano intravedere un futuro roseo per la Nazionale.

 

LASCIA UN COMMENTO