Serie B: il racconto della settima giornata

La Serie B torna ad infestare le pagine di Ok Calciomercato con le sue palpitanti emozioni. Il campionato cadetto è pronto a turbare i sogni di tantissimi tifosi di calcio italiani. Speranze promozione, bagarre play-off, forche caudine rappresentate dai play-out e l’inferno della retrocessione in Serie C: benvenuti al racconto della settima giornata.

Il Frosinone sfrutta parzialmente i KO di Empoli, Carpi e Perugia ponendosi momentaneamente sul trono della Serie B. Sul prato erboso dello Stirpe, la Cremonese ferma i primatisti del campionato cadetto sullo 0-0. Vittorie prestigiose per Avellino, Pescara e Brescia che hanno sconfiggono rispettivamente Empoli, Carpi e Perugia. Affermazioni importanti per Spezia, Venezia e Virtus Entella, solo pari per il Palermo. In coda, la rovinosa sconfitta contro la Pro Vercelli costa la panchina del Cesena, ultimo, a Camplone. Castori sostituirà l’ex mister dei romagnoli.

PARMA-SALERNITANA 2-2 (17′ DI CESARE, 33′ LUCARELLI; 56′ SPROCATI, 80′ VITALE)

Spettacolare pareggio al Tardini fra i padroni di casa del Parma e la Salernitana di Bollini. Match equilibrato nelle prime battute ma i padroni di casa al 17′ lanciano il primo acuto della partita: secondo goal consecutivo per Di Cesare che svetta di testa su un perfetto traversone dalla trequarti di Dezi regalando il vantaggio a D’Aversa. Gli ospiti tentano di reagire ma incassano il 2-0 al 33′: punizione di Scozzarella per la sponda aerea di Scavone, Lucarelli è il primo ad arrivare sul pallone mettendolo dentro la porta vuota. Nel secondo tempo, la Salernitana abbandona la sua evanescenza diventando più concreta. Al 56′ i granata riaprono il match con Sprocati, bravo a saltare il diretto marcatore prima di esplodere un siluro sul quale Frattali nulla può. La doppia espulsione (Di Cesare e Iacoponi) patita dai ducali, incoraggia i campani che al 80′ pervengono al pari grazie al rigore realizzato da Vitale che fissa il punteggio sul 2-2. Il Parma sale a quota 10 mentre la Salernitana si asseta ad 8 punti in classifica.

alessandro-lucarelli-ok-calciomercato

 CITTADELLA-VIRTUS ENTELLA 0-1 (45′ TROIANO)

Vittoria importantissima per la Virtus Entella al Tombolato contro i padroni di casa del Cittadella. Gli uomini di Venturato potrebbero sbloccare il match dopo pochissimi secondi dall’inizio: Pellizzer perde palla al limite dell’area, Kouame appoggia per Settembrini che manca la sfera. Il centrocampista poco più tardi calcia dalla lunga distanza, Iacobucci alza sulla traversa. La partita è in pugno ai veniti ma l’errore di Kouame salva nuovamente i liguri. Goal sbagliato, goal subito: allo scadere l’Entella passa in vantaggio, su rigore, per il fallo di Pezzi su Luppi. La prima trasformazione di Troiano è da ripetere per i troppi giocatori in area, sulla seconda il centrocampista supera Alfonso con il “cucchiaio”. La ripresa non ricalca i primi quarantacinque minuti portando la squadra di Castorina a conquistare i tre punti in trasferta. La Virtus arriva a quota 9 in campionato, un punto in meno degli odierni avversari.

michele-troiano-ok-calciomercato

PRO VERCELLI-CESENA 5-2 (16′ BERGAMELLI, 59′ ROVINI, 63′ RAICEVIC, 69′ FIRENZE, 75′ VIVES; 7′ DALMONTE, 22′ JALLOW)

Giostra del goal fra Pro Vercelli e Cesena. La spunta la squadra di Grassadonia sul traballante Camplone. Giocano meglio i padroni di casa ma il Cesena coglie l’immeritato punto del vantaggio al 7′: da angolo battuto da Firenze, c’è la ripartenza di Jallow che, approfittando di un errore di Bifulco, serve Dalmonte. L’esterno va in progressione, calcia di destro dal limite dell’area e fulmina Marcone. I piemontesi, punti nell’orgoglio, trovano l’immediato pareggio con il perfetto stacco di Bergamelli, al suo primo centro in campionato. Il buco difensivo dello stesso centrale apre l’autostrada della rete a Jallow: l’ex Trapani ringrazia e batte l’estremo difensore della Pro. La seconda metà del match si trasforma in un vero e proprio inferno per i romagnoli: al 59′ Rovini sfrutta una giocata meravigliosa di Vives e sigla il pareggio. Il punto del pari destabilizza i bianconeri che, poco dopo, cadono per la terza volta sotto i colpi di Raicevic, al primo goal con la maglia della Pro Vercelli. Gli uomini di Grassadonia siglano anche il 4-2: Vives con un pallonetto colpisce la traversa, la palla torna in campo e Firenze spedisce la sfera in rete. Il Cesena non c’è più e Vives, da calcio di rigore, si prende la soddisfazione personale calando il pokerissimo. La Pro Vercelli scavalca il Cesena piazzando i romagnoli all’ultimo posto in graduatoria.

giuseppe-vives-ok-calciomercato

BRESCIA-PERUGIA 2-1 (67′ CARACCIOLO, 81′ BISOLI ;48′ HAN)

Vittoria prestigiosa per il Brescia di Boscaglia contro il lanciatissimo Perugia di Giunti al Rigamonti. Dopo un primo tempo frizzante ma senza reti, la ripresa si presenta con il vantaggio subitaneo degli umbri: cross di Pajac e splendido colpo di testa di Han per il vantaggio del Perugia. Sesta rete in sette match per il nordcoreano in prestito dal Cagliari. Il mister delle Rondinelle toglie Ferrante per fare spazio a Caracciolo. Mai decisione fu più giusta: L’Airone corregge in rete il cross di Machin al 67′ ed offre un meraviglioso assist vincente a Bisoli nel 2-1. Il figlio d’arte è bravo a deviare sotto misura esaltando il lavoro dell’esperta punta. Il Perugia cade in Lombardia e resta a quota 13 mentre il Brescia tocca quota 9.

andrea-caracciolo-ok-calciomercato

ASCOLI-PALERMO 0-0

Pareggio soporifero nel capoluogo marchigiano fra Ascoli e Palermo. Un punto a testa per Maresca e Tedino nel sabato pomeriggio di Ascoli Piceno. Gara avara di emozioni con le due squadre che non si scoprono più del dovuto: dai piedi di Mignanelli partono i due cross che al 22′ Favilli e al 33′ Addae mettono di poco alto di testa. L’unico squillo dei rosanero è portato da Rispoli che calcia a lato. Nella ripresa la partita non migliora ed il risultato si incanala sullo 0-0. Il Palermo arriva a quota 13 mentre l’Ascoli sale a 7.

bruno-tedino-ok-calciomercato

CARPI-PESCARA 0-1 (37′ CAPONE)

Torna alla vittoria il Pescara di Zeman annichilendo 1-0 al Cabassi il Capi di Calabro. Partono bene i padroni di casa sfiorando le reti con i colpi di testa si Sabbione e Mbakogu ma nel miglior momento degli emiliani, passano gli abruzzesi con Capone: al 37′ Coulibaly, da destra, trova il taglio del classe ’99 che da centro area non dà scampo a Colombi. I ragazzi di Calabro potrebbero ristabilire immediatamente l’equilibrio nel match ma la punta nigeriana sbaglia l’assist comodo per Concas. Nel secondo tempo il Carpi chiude con quattro punte di ruolo in campo ma la difesa pescarese resiste conservando il parziale. Passo avanti per il Pescara che sala a quota 10 mentre i biancorossi restano con 11 punti.

christian-capone-ok-calciomercato

SPEZIA-BARI 1-0 (84′ LOPEZ)

Vittoria importantissima dello Spezia contro il Bari di Grosso che non inverte la tendenza negativa in trasferta. Partita equilibrata per tutti i novanta minuti di gioco con gi ospiti più pericolosi dei padroni di casa. Parte meglio il Bari portando Improta a galoppare sulla fascia, il cross del bomber viene catturato da Fiamozzi che da buona posizione calcio sul fondo. Al 29′ è Tello, imbeccato da Floro Flores, a non trovare la via della rete calciando a lato. L’espulsione di Capelli complica ulteriormente la vita agli spezzini che subiscono il pressing dei pugliesi. Merita il Bari, passano in vantaggio i ragazzi di Gallo: al 39’ Lopez scaglia un violento sinistro da fuori area che incoccia sul palo alla sinistra di Micai e in rete per il gol che vale i tre punti.

elio-capradossi-ok-calciomercato

TERNANA-VENEZIA 2-3 (84′ MONTALTO, 85′ VARONE; 2′ ZIGONI, 58′ AUT. PLIZZARI, 92′ DOMIZZI)

Il Venezia di Inzaghi passa sul doppio vantaggio, si fa riprendere dalla Ternana di Pochesci e coglie la vittoria all’ultimo respiro al Liberati. Partita imprevedibile, i lagunari passano subito dopo centottanta secondi: da Zampano cross per Zigoni, girata e vantaggio dopo poco più di un minuto. La Ternana accusa il colpo cerca di reagire ma non riesce a pungere. Il venezia si difende bene e attacca in contropiede sfiorando il raddoppio con Del Grosso sul quale è bravo Plizzari. Nei secondi quarantacinque minuti gli umbri ci mettono tanto cuore ma non riescono a siglare il punto del pari. Sono ancora i veneti a pungere: Plizzari esce e ribatte ma il pallone ha un effetto strano, rimbalza sul palo e quando il portiere cerca di smanacciarle fuori finisce in rete per il 2-0. Partita chiusa? Macché. La Ternana in un minuto riesce nell’impresa clamorosa di pareggiare i conti con Montalto (tap-in da due passi) e Varone (tiro dal limite che muore nell’angoletto). L’emozioni non sono di certo finite, in pieno recupero Domizzi prende il volo schiacciando di testa dagli sviluppi di calcio d’angolo. I lagunari volano a quota 10 in classifica mentre la Ternana resta al terzultimo posto con con 5 punti.

venezia-ok-calciomercato

AVELLINO-EMPOLI 3-2 (52′ KRESIC, 62′ CASTALDO, 68′ D’ANGELO; 11′ DONNARUMMA, 47′ ZAJC)

Fiera del goal condita dalla rimonta ad Avellino fra i padroni di casa guidati da Novellino e l’Empoli di Vivarini. Partita dai due volti: gli ospiti passano in vantaggio al 11′ con una grande girata di Donnarumma che fulmina Radu. I padroni di casa reagiscono proprio con Castaldo che al 34′ sfiora con un gran tiro dalla distanza il gol. L’occasione più nitida arriva al 37′ quando Laverone taglia per Ardemagni che davanti la porta spara su Provedel in uscita. In apertura di ripresa i toscani calano il colpi del possibile KO: Zajc con una gran punizione da oltre 25 metri calcia splendidamente beffando Radu. Al 53′ Kresic svetta di testa su calcio di punizione di Bidaoui e riapre le sorti dell’incontro. Dieci minuti dopo Castaldo realizza il calcio di rigore del 2-2. La rimonta si completa al 68′: cross di Di Tacchio per lo stacco solitario di capita D’Angelo che gonfia la rete regalando i tre punti ai campani. I sorprendenti irpini salgono a quota 13 in campionato scavalcando proprio gli azzurri di Vivarini che si fermano a 11.

angelo-d-angelo-ok-calciomercato

FOGGIA-NOVARA 2-2 (48′ MAZZEO, 59′ FEDATO; 30′ MOSCIATI, 84′ DICKMANN)

Il Foggia di Stroppa vede sfumare la vittoria casalinga negli ultimi minuti di match contro il Novara guidato da Corini. I padroni di casa partono con il cipiglio giusto creando diverse palle goal con gli uomini di maggior talento ma sono i piemontesi a pungere al 30′: Moscati va alla conclusione dalla lunga distanza con un destro a giro che si infila all’angolino. Nulla da fare per Guarna. Il Novara potrebbe raddoppiare ma la conclusione deviata di Sciaudone s’infrange sulla traversa, lo Zaccheria tira un sospiro di sollievo. Dal possibile 2-0 degli ospiti, i pugliesi pareggiano con Mazzeo che, glacialmente, realizza dagli undici metri negli ultimi respiri della prima frazione di gara. Nella ripresa, il Foggia si esalta e raggiunge il vantaggio: al 59′ grandissima palla in verticale di Mazzeo per Fedato che in velocità anticipa Troest. Montipò esce a vuoto e la punta foggiana lo dribbla centrando poi la porta rimasta sguarnita. La gara resta godibile, fioccano occasioni da entrambi i lati ma è Dickmann a portare i suoi al pareggio al 84′: il calciatore degli azzurri anticipa tutti sul corner, palla che sbatte sotto la traversa e finisce in gol. Prima presenza e primo gol stagionale per l’azzurrino reduce da un infortunio. Le due compagini restano, entrambe, a quota 7 in classifica.

lorenzo-dickmann-ok-calciomercato

FROSINONE-CREMONESE 0-0

La prima partita disputata nel nuovo stadio consegna al Frosinone un sapore agrodolce: i ciociari conquistano la vetta solitaria della classifica ma non riescono ad allungare sensibilmente sulle avversarie. Al Benito Stirpe, i padroni di casa impattano sullo 0-0 contro la Cremonese di Attilio Tesser. Primo tempo molto equilibrato e caratterizzato da uno squillo per parte: al 20′ Arini prova a sorprendere Bardi dalla distanza ma l’estremo difensore è attento mentre al 32′ Dionisi colpisce la traversa dopo aver girato la sfera di testa. Nel secondo tempo la squadra di Longo preme sull’acceleratore sfiorando la rete con il gran destro di Gori.  Due minuti dopo Paulinho ha l’occasione buona per portare in vantaggio gli ospiti, ma cicca il pallone in piena area. Al 46′, invece, Dionisi serve un assist a Sammarco il cui tiro a botta sicura viene ribattuto fortunosamente da un difensore. Termina a reti bianche il monday-night in terra laziale: il Frosinone sale in vetta con 14 punti mentre la Cremonese tocca quota 9 in classifica.

 frosinone-cremonese-ok-calciomercato

LA CLASSIFICA:
Pos Club PG Pts
1 Frosinone 7 14
2 Perugia 7 13
3 Palermo 7 13
4 Avellino 7 13
5 Empoli 7 11
6 Carpi 7 11
7 Pescara 7 10
8 Cittadella 7 10
9 Venezia 7 10
10 Parma 7 10
11 Spezia 7 10
12 Cremonese 7 9
13 Bari 7 9
14 Brescia 6 9
15 Virtus Entella 7 9
16 Salernitana 7 8
17 Novara 7 7
18 Ascoli 7 7
19 Foggia 7 7
20 Pro Vercelli 7 5
21 Ternana U. 6 5
22 Cesena 7 4

 

LASCIA UN COMMENTO