Mertens spaventa Napoli: “La mia clausola? Sarei un bell’affare”

Fulmine a ciel sereno in casa Napoli: Dries Mertens, pronto ad affrontare l’Udinese come sempre nel ruolo di centravanti supportato da Insigne e Callejon, rilascia dichiarazioni preoccupanti in tema di mercato. L’attaccante belga parla ai microfoni di Het Laatste Nieuws di quanto sarebbe potuto accadere in estate e di quel che, forse, sarà.

“SAREI POTUTO ANDARE AL BARCELLONA O IN CINA”

Così il numero 14 partenopeo: “Piacevo al Barcellona, ma sarei stato un’alternativa a Messi, Neymar e Suarez e dopo un’annata così bella a Napoli, non volevo tornare in panchina, anche se si trattava del Barça. Se però avessi saputo che Neymar sarebbe andato via…”. E poi: “A volte ci penso: che cosa sarebbe successo se fossi andato al Barcellona? Magari oggi sarei lì a sinistra. Nell’ultimo mercato invernale ho ricevuto un’offerta dalla Cina, erano davvero tanti soldi, mi riesce difficile parlare di certe somme se penso a chi guadagna 1.500 euro al mese. Il Napoli, però, non ha voluto lasciarmi andare e io stesso volevo rimanere. Se dovesse capitare un’altra possibilità? Ho una clausola rescissoria di 28 milioni di euro, non sono tanti per un club cinese e anche per il Napoli sarebbe una bella somma. E dopo il trasferimento di Neymar al PSG, 28 milioni non sono niente. Sarei un bell’affare: quale giocatore costa 28 milioni e fa 28 gol in Serie A?”.

Dichiarazioni che non faranno piacere a De Laurentiis e che soprattutto rischiano di incrinare il rapporto con una tifoseria che, sino ad oggi, non ha fatto che esaltare le qualità del Mertens centravanti. Il Mertens 2.0 lanciato da Sarri.

LASCIA UN COMMENTO