Serie B: il racconto della diciottesima giornata

La Serie B torna ad infestare le pagine di Ok Calciomercato con le sue palpitanti emozioni. Il campionato cadetto è pronto a turbare i sogni di tantissimi tifosi di calcio italiani. Speranze promozione, bagarre play-off, forche caudine rappresentate dai play-out e l’inferno della retrocessione in Serie C: benvenuti al racconto della diciassettesima giornata.

Il Palermo batte il Bari a domicilio e conquista, con pieno merito, il primato solitario della serie cadetta. Dietro la nuova regnante della Serie B si assestano Parma (pareggio a Terni) ed il Frosinone che coglie la prima vittoria allo Stirpe contro il Brescia. In zona play-off vince solo l’Empoli mentre le altre contendenti pareggiano. Risorge lo Spezia con bomber Gilardino mentre continua la caduta inesorabile del Pescara (Zeman a rischio?) giustiziato a Cesena. In coda, ultimo posto per l’Ascoli e crisi nerissima per il Foggia. Punticini preziosi per Pro Vercelli e Ternana.

NOVARA-CREMONESE 1-1 (94′ AUT. CLAITON; 24′ SCAPPINI)

Il Novara di Corini raggiunge all’ultimo respiro il pari al Piola contro la Cremonese di Tesser. Masticano amaro i lombardi che, per tutto il match, hanno dominato l’incontro raccogliendo meno di quello che hanno seminato. I lombardi ringraziano la buona sorte ed il proprio estremo difensore. Al 13′ Di Mariano perde palla e manda in campo aperto Brighenti, miracolo di Montipò con i piedi. Al 24′ il portiere azzurro, dopo altri interventi prodigiosi, deve alzare bandiera bianca sul preciso colpo di testa di Scappini che manda avanti nel punteggio la squadra ospite. Il Novara si appella, anche nella ripresa, a Montipò in due occasione: al 53′ si oppone a Scappini mentre al 74′ neutralizza il contropiede di Paulinho. I padroni di casa non riescono a reagire nonostante Orlandi, il migliore dei suoi, suoni la carica predicando nel deserto. All’ultimo respiro, però, il Novara incassa il punto insperato del pari: sulla proiezione offensiva di Chajia è Claiton a deviare la sfera alle spalle di Ujkani ristabilendo, incredibilmente, la parità. La Cremonese sale a quota 27 mentre il Novara arriva a 23 punti.

stefano-scappini-ok-calciomercato

TERNANA-PARMA 1-1 (74′ TREMOLADA; 21′ DI GAUDIO)

Un punto a testa anche fra Ternana e Parma al Liberati di Terni. D’Aversa, in vantaggio a metà primo tempo, si vede raggiungere da Pochesci nell’ultimo quarto d’ora di match. Per le “Fere” è il settimo pareggio consecutivo. Parte bene il Parma che, dopo aver premuto sull’acceleratore per tutta la prima frazione di gara, trova il goal del vantaggio al 21′: Di Gaudio ruba il pallone a Paolucci, salta Vitiello  e dal limite calcia a giro sul secondo palo u n pallone imprendibile per Plizzari. Gran goal per l’ex Carpi. I crociati potrebbero raddoppiare al 36′ con il piazzato di Insigne che termina di poco a lato. A fine primo tempo si vede anche la Ternana davanti: Frattali si oppone alla conclusioni da fuori di Paolucci e Carretta. In avvio di ripresa è ancora il Parma a sfiorare il goal con il tentativo di Dezi, Plizzari respinge.  Replica la Ternana sull’asse Tremolada-Finotto ma Montalto manca la deviazione da centroarea. Al 74′ i rossoverdi trovano il pari: Tiscione, appena entrato, serve l’assist a Tremolada che mette in rete la sfera con una girata volante. Gli umbri, galvanizzati dal pareggio, tentano di sorpassare gli ospiti ma è il Parma con Gagliolo a sfiorare la rete nel finale. I ducali arrivano a quota 30 mentre la Ternana incamera il diciottesimo punto del suo campionato.

luca-tremolada-ok-calciomercato

CESENA-PESCARA 4-2 (72′ JALLOW, 81′, 87′ MONCHINI, 90′ DONKOR; 62′ BENALI, 76′ PETTINARI)

Spettacolo al Manuzzi. I padroni di casa del Cesena battono in rimonta il Pescara gettando la squadra di Zeman in profonda crisi. Castori coglie una vittoria importante sfruttando le amnesie difensive della compagine abruzzese. I padroni di casa partono forte sfiorando la rete del vantaggio dopo due minuti di gioco con Dalmonte che, dall’interno dell’area di rigore, si fa ipnotizzare da Fiorillo. Al 22′, su angolo di Laribi, sbuca Jallow sul secondo palo: altro tiro a colpo sicuro e altra grande parata di Fiorillo. Lo stesso Laribi, poco, dopo chiama agli straordinari l’estremo difensore pescarese. La compagine di Zeman esce dall’apnea al 34′ con Brugman che costringe Fulignati al grande intervento. Il secondo tempo consegna al match un Pescara completamente trasformato: Al 50′ colpo di testa di Pettinari e grande parata di Fulignati. Il portiere diventa il grande protagonista subito dopo con due parate clamorose nel giro di un minuto: la prima sull’ex Valzania e la seconda su Pettinari. La rete del vantaggio è nell’aria e si manifesta poco dopo l’ora di gioco: cross di Zampano, volee di Benali ed errore di Fulignati per lo 0-1 abruzzese. Lo stesso Zampano, però, manda in contropiede Jallow dieci minuti dopo, l’attaccante di Castori non sbaglia e pareggia i conti. La partita è vibrante e al 76′ Pettinari sfrutta la dormita colossale di Perticone e riporta in vantaggio i suoi. Tutto finito? Macché: al 81′ la doppia zuccata di Scognamiglio apparecchia la tavola al 2-2 di Moncini, con probabile deviazione di Brugman a due passi dalla riga di porta. Pettinari sbaglia il goal del nuovo vantaggio poco dopo, il Cesena ringrazia e mette la freccia: è ancora Moncini a bucare Fiorillo con una precisa girata. Il Pescara, proteso in avanti, ha il tempo di incassare il poker bianconero in contropiede con Donkor che fa esplodere il pubblico del Manuzzi. Il Cesena aggancia gli odierni avversari a quota 21 in classifica. Traballa la panchina del boemo.

gabriele-moncini-ok-calciomercato

SPEZIA-FOGGIA 1-0 (31′ GILARDINO)

Lo Spezia di Gallo piega la resistenza del Foggia targato Stroppa e coglie la vittoria al Picco. I liguri rialzano la testa dopo il KO di Cremona mentre i pugliesi incassano la terza sconfitta consecutiva fra i fischi del settore ospite. Parte forte la squadra bianconera che sfiora il goal al 4′ con l’ex campione del mondo che anticipa Coletti ma spedisce la sfera sul fondo. Non accade praticamente nulla fino alla mezz’ora quando Gilardino raccoglie di testa il traversone di Lopez ed insacca in rete alla destra di Tarolli. Nel secondo tempo spreca tutto al 61′ l’appena entrato Chiricò che tocca fuori davanti a Di Gennaro in uscita, mentre dall’altra parte il giovane portiere si oppone con il corpo il tiro ravvicinato di Marilungo al 63′. Il Foggia potrebbe pareggiare poco dopo ma il tentativo di Beretta viene stoppato sulla riga di porta dal prodigioso salvataggio di De Col che cancella il punto del pari ai “Satanelli”. A fine match è Vignali a sprecare il raddoppio concludendo da dentro l’area piccola sul fondo, su invito di Granoche, ma con disturbo di Martinelli. Con la vittoria di questa giornata, lo Spezia sale a quota 24 mentre il Foggia resta a 18.

alberto-gilardino-ok-calciomercato

SALERNITANA-PERUGIA 1-1 (75′ BOCALON; 93′ BONAIUTO)

Pari sacrosanto all’Arechi di Salerno dove i padroni di casa della Salernitana di Bollini impattano sul segno X contro il Perugia di Breda. Primo tempo avaro di emozioni: al 24′ ci prova Bocalon con un pallonetto che termina di poco a lato mentre al 38′, invece, Adamonis è puntuale nella deviazione sulla conclusione in diagonale dal limite di Pajac. Nel secondo tempo è il Perugia a fare la partita con gli amaranto tutti dietro la metà campo di appartenenza. Gli umbri non trovano la via della rete, i campani si: al 75′ è Bocalon a fiondarsi in scivolata sull’assist al bacio di Sprocati. 1-0 dal nulla. Nel finale la formazione di Breda va prima vicino al pari con Han (bravo Adamonis), poi in pieno recupero conquista il meritato punto con Buonaiuto che, lasciato libero da Pucino e Gatto, mette alle spalle del portiere avversario. Salernitana a quota 23 insieme al Perugia.

cristian-bonaiuto-ok-calciomercato

VENEZIA-PRO VERCELLI 1-1 (8′ CERNUTO; 45′ FIRENZE)

Quarta gara senza vittorie per il Venezia di Inzaghi e la Pro Vercelli di Grassadonia che al Penzo si spartiscono nuovamente la posta in palio. Succede tutto nei primi quarantacinque minuti di gioco: al 8′ i veneziani passano in vantaggio con Cernuto, il capitano svetta più in alto di tutti sul cross di Del Grosso e manda avanti i lagunari. Dopo un destro sul fondo di Marsura, Audero neutralizza due conclusioni di Morra. Venezia che attende, piemontesi che sfornano cross su cross senza impensierire il portiere arancioneroverde. Prende campo la Pro Vercelli, ma il pareggio arriva all’improvviso allo scadere (45’): Audero si ostacola con Bruscagin sul traversone, Firenze è il più lesto ad avventarsi sulla palla vagante e gira dentro a porta vuota. Nella ripresa è il Venezia a sfiorare più volte il vantaggio con Zigoni (51′) e Marsura (58′) ma Marconi è attento in entrambe le occasioni. La Pro si vede al 72′ con il missile terra-aria lanciato dalla distanza da Vives, Audero si supera. Finale nervoso con Inzaghi che protesta per un fallo non fischiato in area e con l’espulsione di Grassadonia. Venezia a quota 27, piemontesi a 18 punti.

marco-firenze-ok-calciomercato

EMPOLI-CARPI 1-0 (44′ DONNARUMMA)

Partita poco brillante al Castellani dove i padroni di casa dell’Empoli di Vivarini battono di misura il Carpi di Calabro. La gara non è affatto interessante: entrambe le compagini pensano più a difendersi che a offendere la trequarti avversari. La giornataccia dei bomber principi delle due formazioni (Caputo e Mbakogu) non ha contribuito ad innalzare lo spettacolo in terra toscana. L’episodio chiave del match si registra appena prima del fischio dell’intervallo: al 44′ Poli entra in scivolata su Donnarumma all’interno dell’area di rigore. Per il direttore di gara è massima punizione per gli azzurri. Dal dischetto, lo stesso Donnarumma non fallisce e realizza dagli undici metri. Con la vittoria ottenuta su calcio di rigore, l’Empoli sale a quota 29 mentre gli emiliani restano a 24 punti.

alfredo-donnarumma-ok-calciomercato

CITTADELLA-AVELLINO 2-2 (7′ CHIARETTI, 77′ IORI; 38′, 94′ LAVERONE)

Il Cittadella di Venturato vede sfumare l’aggancio alla vetta all’ultimo respiro. L’Avellino di Novellino coglie il punto del pari al 94′ e ringrazia la stella fortunata emersa dall’oblio per aiutare gli irpini. Prima palla goal per Kouame che al 7′ impegna Radu con un bel diagonale, sulla respinta è Chiaretti a ribadire il pallone in rete. Poco dopo è ancora il brasiliano a sfiorare la rete del raddoppio ma il fantasista dei veneti non inquadra lo specchio della porta. Sono i padroni di casa a dettare il gioco, e si rendono nuovamente pericolosi al 23′ con Varnier, che arriva con un attimo di ritardo sulla punizione di Benedetti. Sfiora il gol anche Litteri al 34′, su invito di Chiaretti, il centravanti conclude sull’esterno della rete. Alla prima occasione da rete, però, gli irpini colgono il punto del pari: al 38′ Laverone indovina il diagonale e non lascia scampo a Paleari. Colossale palla-gol fallita dal Cittadella in avvio di ripresa, con Kouame, imbeccato da Chiaretti, che si invola tutto solo verso l’area avversaria e sull’uscita del portiere calcia incredibilmente sul fondo. L’Avellino rimane in dieci per l’espulsione diretta di Suagher per il fallo su Benedetti, sulla conseguente punizione, Varnier colpisce il palo di testa, il pallone danza sulla linea di porta senza che nessuno riesca ad intervenire. Al 77′ il Cittadella ripassa in vantaggio: Iori sigla la rete dagli undici metri (fallo sullo scatenato Kouame). Sul finale di match, i campani sfiorano il pari con il colpo di testa di Asencio, Paleari si rifugia in angolo. La beffa per Venturato, però, si manifesta inesorabile: Litteri fallisce il rigore del possibile 3-1 e al 94′ Laverone sfodera un siluro dalla distanza che fissa il risultato sul 2-2 finale. Il Cittadella recrimina e sale a quota 28 mentre l’Avellino ringrazia la buona sorte incamerando un punticino insperato, gli irpini salgono a quota 21.

lorenzo-laverone-ok-calciomercato

ASCOLI-VIRTUS ENTELLA 1-1 (3′ CLEMENZA; 90′ ARAMU)

Il nuovo Ascoli di Cosmi vede sfumare la vittoria sul finale contro la Virtus Entella di Aglietti in uno dei tanti 1-1 di giornata. Il match, condizionato da molti infortuni, non è stato bellissimo sotto il piano dell’intensità ma le emozioni non sono di certo mancate al Del Duca. Pronti, via ed i padroni di casa mettono la freccia: al 3′ Clemenza approfitta di un errore difensivo di Troiano e di sinistro batte Iacobucci. La squadra dell’ex mister dei marchigiani reagisce con veemenza spingendo all’angolo i bianconeri ma, nonostante la pressione, i pericoli dalle parti di Lanni si contano sulle dite di una mano: al 13′ il tiro di Crimi, deviato, incoccia sulla traversa. Anche nella ripresa, i liguri non trovano varchi importanti per recare danno all’attenta difesa dei padroni di casa. Entra Aramu e la partita cambia: in pieno recupero è la punizione dell’ex Torino a bucare le difese di Cosmi consegnando il punto del pari all’Entella. L’Ascoli resta ultimo in classifica con 15 punti mentre la Virtus sale a quota 21.

mattia-aramu-ok-calciomercato

FROSINONE-BRESCIA 2-0 (29′ CITRO, 76′ DIONISI)

Non aveva mai vinto allo Stirpe e finalmente il Frosinone di Longo è riuscito a ottenere i tre punti nel nuovo stadio: il 2-0 contro il Brescia di Marino si arrende alla forza oggettiva degli avversari in terra laziale. Citro, preferito a Dionisi (lasciato in panchina a sorpresa), trova il gol che apre le marcature. Il Frosinone controlla la gara e nel secondo tempo raddoppia con Dionisi (entrato dalla panchina). Il Brescia chiude il 10 (espulso Meccariello) ma spaventa più volte Bardi nel finale. Il portiere risponde e il Frosinone torna a vincere dopo 4 pareggi consecutivi. Ciociari nelle zone altissime della classifica con 30 punti mentre il Brescia resta a 21 lunghezze e non scaccia la zona rossa del campionato cadetto.

federico-dionisi-ok-calciomercato

BARI-PALERMO 0-3 (62′ RISPOLI, 69′ TRAJKOVSKI, 75′ CORONADO)

Il Palermo di Tedino annienta al San Nicola il Bari di Grosso e si prende meritatamente la testa solitaria della classifica. Sono i rosanero a creare più gioco al cospetto di un Bari volitivo e poco propenso ad attaccare gli spazi. È Trajkovski a spaventare per due volte i padroni di casa in avvio di match: il primo tentativo costringe il giovane De Lucia a bloccare a terra la sfera, nel secondo il macedone scheggia la traversa con un fendente da fuori.  Il Bari gioca d’attesa, a ritmi compassati, ma non impegna mai Posavec. Nella ripresa, i “Galletti” bussano, finalmente, al portone dei siciliani: al 53′ Cissè impegna la difesa avversa mentre Bellusci prova a siglare la rete su calcio piazzato. La punizione dell’ex difensore del Catania sveglia i suoi che, nell’azione seguente, passano in vantaggio: al 62′ lancio lungo di Coronado per Rispoli che approfitta di un intervento sfortunato di Marrone e infila (sotto le gambe) De Lucia. I biancorossi reagiscono subitaneamente con il fendente di Brienza che trova sulla via della rete l’attenta difesa di Posavec. Al 69′, però, i siciliani raddoppiano con Trajkovski, il macedone è il più lesto di tutti a ribadire in rete la ribattuta dell’estremo difensore pugliese sul gran tiro di La Gumina. Alla mezz’ora Coronado si supera: inventa un gran destro, da trenta metri, sorprende colpevolmente De Lucia. Il Palermo si prende la testa della classifica con 32 punti mentre il Bari resta piantato a quota 29.

andrea-rispoli-ok-calciomercato

CLASSIFICA:
POS SQUADRA PUNTI G V N P GF GS ULTIME GIORNATE
1 Palermo 32 18 8 8 2 25 16
V N V P V
2 Parma 30 18 9 3 6 27 17
V P V V
3 Frosinone 30 18 7 9 2 30 22
V N N N N
4 Empoli 29 18 8 5 5 36 28
V N N V P
5 Bari 29 18 9 2 7 30 25
P P V V V
6 Cittadella 28 18 8 4 6 29 22
V V V P
7 Cremonese 27 18 6 9 3 26 19
V N N P
8 Venezia 27 18 6 9 3 19 15
N N P N V
9 Carpi 24 18 6 6 6 16 22
P N V P N
10 Perugia 23 18 6 5 7 31 28
V N V P
11 Salernitana 23 18 4 11 3 27 26
P P N N
12 Novara 23 18 6 5 7 22 21
N N V P N
13 Spezia 23 18 6 5 7 19 20
V P V N N
14 Virtus Entella 21 18 4 9 5 23 25
V N N N
15 Avellino 21 18 5 6 7 26 29
N N P N N
16 Brescia 21 18 5 6 7 17 20
P V P N N
17 Pescara 21 18 5 6 7 30 36
P N P V P
18 Cesena 21 18 5 6 7 31 38
V N V P N
19 Ternana 18 18 2 12 4 27 32
N N N N N
20 Pro Vercelli 18 18 4 6 8 22 29
P N P V
21 Foggia 18 18 4 6 8 27 37
P P P N V
22 Ascoli 15 18 3 6 9 16 29
P N P P

LASCIA UN COMMENTO