Ibrahimovic rivela: “Non volevo lasciare il Milan per il PSG: ecco come andò”

Zlatan Ibrahimovic torna a far parlare di sé. Lo svedese ha scritto un’altra biografia, intitolata “Io sono il calcio” in cui racconta altri aneddoti riguardo la sua gloriosa carriera. Uno di particolare interesse riguarda il suo clamoroso trasferimento dal Milan al Paris Saint-Germain, nell’estate del 2012.

IBRAHIMOVIC: “NON VOLEVO ANDARE AL PSG, FECI RICHIESTE ASSURDE”

Riportiamo di seguito il racconto di Ibra:

Galliani mi ha detto: ‘Non preoccuparti Zlatan, non ti venderemo’. Qualche settimana dopo ero nella mia casa di Vaxholm, ho fatto un giro in moto d’acqua e poi ho visto cinque chiamate perse di Mino. Diceva: ‘Raiola chiede di incontrare Ibra il prima possibile, ma preferisce sistemare al telefono’. ‘Ok’ ho risposto. ‘Leonardo ti chiamerà’. Leonardo? Quale Leonardo? Poi ho immediatamente realizzato, mi ha parlato di Leonardo, il ds del PSG. Poi ho risposto a Mino: ‘Senti, non risponderò a questa chiamata, Galliani mi ha confermato che non mi venderà’. Mino mi ha semplicemente detto: ‘Lo so, ma ti hanno già venduto’. Quando parlai con Mino quell’estate, gli dissi che volevo renderla difficile al PSG. Volevo mantenere lo stipendio che avevo al Milan, aspettandomi che loro dicessero: ‘Amico stai esagerando, chiedi troppo’. Volevo farli ritirare, così ho detto a Mino di scrivere tutto quello che volevo. Ho elencato tutti i miei desideri e quando ho finito, ho detto ad Elena che non avrebbero mai accettato, era impossibile. Dopo solo venti minuti Mino mi ha richiamato dicendo: ‘Hai tutto quello che hai chiesto’. Non c’era modo di tornare indietro e ho risposto: ‘Ok, prepara tutto’. Sono un uomo di parola, quando dico qualcosa lo faccio“.

Insomma, il campione svedese si trovava benissimo a Milano, sponda rossonera, dove sarebbe rimasto altri anni. Tuttavia lo strapotere economico dell’allora nascente PSG come oggi lo conosciamo, spiazzò tutti, compreso il diretto interessato.

LASCIA UN COMMENTO