Milan, Reina: “Manca essere il titolare. L’anti-Juve non esiste”

Voluto fortemente dalla precedenza dirigenza, Pepe Reina è al Milan anche per la sua enorme esperienza. Un portiere che ha giocato e vinto tanto in carriera può solo che essere un esempio per i compagni, in particolare per Gigio Donnarumma. Può essere letto anche così l’arrivo a Milano dell’ex giocatore di Liverpool e Napoli. Nell’intervista rilasciata a Sky Sport, lo spagnolo parla di questo e tanto altro. Riportiamo di seguito i tratti salienti.

MILAN, REINA: “NON ABITUATO A GIOCARE POCO; FELICE DI AIUTARE GIGIO”

Le idee di Reina sul suo ruolo nella carriera di Donnarumma è chiara:

Io cerco di fare del mio meglio e aiutare Gigio. Siamo qua per dargli serenità e farlo diventare più forte. Ricordiamoci sempre che ha 19 anni, bisogna essere equilibrati. L’esempio che deve seguire è Buffon. Personalmente, manca essere titolare quando si è abituati a giocare sempre“.

il trentaseienne spende poi parole al miele per i due giocatori forse più rappresentativi di questo Milan, Suso ed Higuain:

(Gonzalo) Ha qualche problema alla schiena ma quando tornerà in forma scioglierà ogni dubbio. Dimostra una fame incredibile ogni giorno e credo sia uno degli attaccanti più forti del mondo”. Suso è un giocatore fortissimo, lo conosco dai tempi di Liverpool quando era un bambino, ora è un uomo che non ha paura di niente e si è caricato la squadra sulle spalle“.

Infine, un giudizio sul nuovo tecnico del Napoli, Ancelotti, e sulla lotta scudetto con la Juventus:

Mi dicono che è davvero forte, mi sarebbe piaciuto essere allenato da lui. Scudetto? Lo vinceranno ancora i bianconeri, magari ad aprile. L’anti-Juve non esiste, l’anti-Juve è solo la Juve. Ma al Napoli auguro il meglio in Champions League“.

LASCIA UN COMMENTO