Termina 2-1 la partita della quarta giornata dei gironi di Europa League tra Borussia Mönchengladbach e Roma.

La squadra capitolina gestisce la gara ma subisce un’altra svista arbitrale e un goal al 94’: gli errori del girone di andata si stanno ripetendo.

La Roma lascia così il primo posto nella classifica del girone J all’Istanbul Başakşehir, prossimo avversario tra le mura dell’Olimpico.

Primo tempo: svista arbitrale e autogoal di Fazio

Il primo tempo è dominato da un equilibrio generale e da pochi interventi da parte del portiere Paul Lopez. Ma un errore clamoroso da parte dell’arbitro (o meglio, del guardalinee) propizia la prima rete dei tedeschi con l’autogoal di Fazio al 35’.

Il terzino sinistro tedesco Wendt avanza verso la porta con una palla uscita in fallo laterale, che l’assistente Nevado Rodriguez non vede. Il pallone finisce poi a Thuram che crossa e causa l’autorete di Fazio.

Errore evidente che sarebbe stato ravvisato dal VAR, assente nella fase a gironi della competizione.

esultanza-borussia-monchengladbach

Secondo tempo: dal riscatto di Fazio al goal al 94’ di Thuram

Molto meglio per la squadra giallorossa il secondo tempo. I giocatori alzano il ritmo alla ricerca del pareggio. Pastore sempre nel vivo del gioco si crea una grande occasione per il pareggio ma il portiere Sommer interviene.

Pochi minuti dopo l’argentino si procura una punizione: La crossa Kolarov e ci pensa Fazio a correggere il pallone infilandolo nella stessa porta dove nel primo tempo aveva provocato l’autogoal.

Arrivati al pareggio la Roma continua ad attaccare ma non riesce a sfruttare alcune azioni in contropiede. Nel recupero un errore in difesa di Veretout e dei due centrali che lasciano libero Thuram costa caro alla squadra capitolina: gol e sconfitta.

La situazione nel gruppo J di Europa League

Il Borussia porta a casa 3 punti fondamentali rimettendo tutto in discussione nel girone J di Europa League. La Roma lascia il primo posto all’Istanbul e scala al terzo posto.