Champions: Atalanta, contro la Dinamo Zagabria serve solo vincere

esultanza-atalanta

Messa da parte la cocente delusione che il finale della partita con la Juventus ha comportato, l’Atalanta di Giampiero Gasperini è ora determinata a tentare il tutto per tutto per approdare agli ottavi di finale di Champions League. Per nutrire la speranza, a San Siro è necessario un solo risultato: la vittoria.

Vittoria che servirebbe anche alla stessa Dinamo Zagabria, in modo da staccare in classifica lo Shakhtar Donetsk impegnato nella difficile trasferta di Manchester sponda City.

atalanta-city

Come stanno le due squadre

Gli orobici, reduci come detto dalla sconfitta per 3-2 subita dalla Juventus, dovranno probabilmente fare ancora una volta a meno di Duvan Zapata: il bomber colombiano, ancora a mezzo servizio dopo le nove partite saltate fra campionato e coppa, potrebbe lasciare spazio all’ormai collaudato “falso nove” Ilicic. Per il resto Gasperini dovrebbe schierare il solito 3-4-2-1 con Gollini fra i pali; difesa composta da Toloi, Palomino e Djimsiti; Hateboer, de Roon, Freuler e Castagne a centrocampo; il Papu Gomez e Pasalic pronti ad inserirsi negli spazi lasciati proprio dallo sloveno ex Fiorentina.

I croati, che vengono dal pareggio nello scontro diretto contro l’Hajduk Spalato, sono stabilmente primi in classifica in patria. Nel caso riuscissero a passare agli ottavi, realizzerebbero una delle più grandi stagioni della loro storia. Per farlo, il tecnico Bjelica riproporrà il consueto camaleontico 5-4-1, con Livakovic in porta; Theophile-Catherine, Dilaver e Peric a fare i tre centrali, con Leovac e Stojanovic a spingere sugli esterni; Moro e Ademi centrali di centrocampo, affiancati sugli esterni dai rapidi e fulminei Orsic e Dani Olmo. Per il ruolo di punta è aperto il ballottaggio fra Gavranovic e l’ex Verona e Bologna Bruno Petkovic.

esultanza-dinamo-zagabria

Il precedente

L’andata giocatasi in Croazia è stata da dimenticare per l’Atalanta, tornata a Bergamo con un sonora sconfitta per 4-0. I nerazzurri subirono infatti il pressing della Dinamo per tutta la partita, non riuscendo mai ad uscirne. Toccherà a Mister Gasperini trovare il rimedio e la chiave giusta per colpire i croati e continuare a sperare in quella che sarebbe una storica qualificazione agli ottavi di finale dell’ex Coppa Campioni.