Barcellona, Rakitic: “Voglio giocare, sono pronto a rischiare di prendere il coronavirus”

ivan-rakitic

Le dichiarazioni del centrocampista del Barcellona, Ivan Rakitic, rilasciate durante un’intervista a Marca, non passeranno inosservate. La Spagna è uno dei paesi più colpiti dal coronavirus e, come in Italia, la questione della ripresa del campionato è molto discussa. Il croato ha sottolineato: “Sono pronto a correre il rischio di essere contagiato ma voglio tornare a giocare”. Ha poi proseguito: “Dobbiamo giocare con le massime misure di sicurezza, sapendo che non sarà mai sicuro al cento per cento, per noi come per qualsiasi lavoratore. Penso che abbiamo quel debito, dobbiamo restituire alla società quel che abbiamo ottenuto in questi anni, e non dico solo il termini economici: dobbiamo tornare a giocare perché non si parli solo di virus”.

ivan-rakitic

“Dobbiamo far divertire le persone”

Prima di commentare la decisione presa in Francia, dove il campionato è stato annullato, Rakitic ha affermato: “Leggo in questi giorni di danni economici, di calendari, di retrocessioni, ma non leggo nulla della passione della gente. Certo, se vedo quanti milioni di persone si muovono attorno al calcio, le tasse, i posti di lavoro… Ma non è solo quello. Dobbiamo cercare di far divertire di nuovo le persone con il calcio, offrendo con il nostro coraggio e la nostra forza un supporto a tutti i lavoratori che ci hanno mostrato questa forza”.

“Non esiste una scelta giusta”

In conclusione: “La Francia ha dichiarato chiuso il campionato? Penso che non esista una ricetta univoca. Ciascun Paese si regola secondo la propria situazione, e sono certo che non esistano una ricetta giusta e una sbagliata, così come sono certo che ogni campionato deciderà per il meglio”.