Bayern Monaco, Lahm: “A fine stagione smetto. Ds? Non ora, mi serve una pausa”

Senza tanti giri di parole, Philipp Lahm annuncia il suo ritiro dal calcio giocato, a 33 anni e con ancora un anno di contratto con il suo Bayern.

Dopo Lampard e Ronaldinho, dunque, il 2017 diventa l’anno dell’addio al calcio anche per un’altra leggenda del calcio mondiale.

LAHM, NUMERI DA LEGGENDA

Con gli ultimi sei mesi della sua carriera ancora da giocare, il capitano dei bavaresi annuncia l’addio ai campi da gioco, con la bellezza di 635 partite all’attivo tra club e nazionale, condite da 27 reti. Soprattutto, lascia con un palmarès che parla da solo: 1 Champions League, 1 Mondiale, 8 campionati, 1 Supercoppa UEFA, 1 Campionato del mondo per club, 7 Coppe di Germania, 3 Supercoppe di Germania e 1 Coppa di Lega tedesca. Ed ha ancora tutto il tempo per aggiungere trofei alla sua bacheca. Probabilmente, però, il vanto più grande, la statistica più impressionante di questo giocatore immenso, resta il numero di cartellini rossi guadagnati in carriera: ZERO. Non male per chi, come lui, si è costruito una carriera galoppando sulla fascia, tra sovrapposizioni e ripiegamenti difensivi.

Per omaggiare la fine della carriera di uno dei più grandi interpreti moderni del ruolo di esterno difensivo, vi proponiamo una raccolta dei 5 migliori interventi di Philipp Lahm. 5 interventi da far vedere nelle scuole calcio, che racchiudono le due caratteristiche fondamentali per un buon difensore: tempismo e pulizia.

Ciao Philipp, ci mancherai.

http://www.youtube.com/watch?v=pUo7vEptOq8