Bologna, ufficiale il divorzio da Walter Sabatini: la ricostruzione

Dopo due anni insieme si separano ufficialmente le strade di Walter Sabatini e del Bologna. Il coordinatore dell’area tecnica rosso blu, come ricostruito da Repubblica, avrebbe avuto delle frizioni relative al mercato e alla rosa con Saputo, numero uno del club. Il contratto dell’ex Roma ed Inter era già scaduto nello scorso agosto e non era stato rinnovato, ma l’ufficialità dell’addio è arrivata nelle ultime ore.

joey-saputo

La ricostruzione dell’addio

Nonostante l’incarico fosse scaduto nella passata stagione, Sabatini ha seguito in queste partite il Bologna. Lo ha fatto anche ad Empoli, quando dopo la sconfitta sonora per 4-2 si sarebbe lasciato andare ad una frase d’attacco, nei confronti del presidente Saputo, dicendo: “Chi l’ha costruita ha fatto una squadra del c…“. Come ricostruito da Repubblica, l’ex coordinatore dell’aerea tecnica avrebbe rincarato la dose con un’altra frase: “Ci sono molti giocatori fuori condizione, ci sono importanti valutazioni da fare, questa non è la squadra immaginavamo“. Parole che non sono passate inosservate alla società e al presidente Saputo, che dopo poche ore ha concludere ogni tipo di rapporto con Sabatini.

Il comunicato

E’ arrivato anche il comunicato ufficiale con il quale le due parti si sono formalmente date addio. “Free 2 Be Holdings Inc., la società controllante di Bologna Fc 1909 e CF Montreal, comunica che il contratto di consulenza con Walter Sabatini di comune accordo non sarà rinnovato“.

Poi sono arrivate le parole del presidente Saputo: “Ringrazio Walter per il lavoro svolto in questi anni e per il prezioso contributo di idee che ha dato ai due Club anche nella fase iniziale del processo di condivisione di strategie e metodologie di lavoro. Ho conosciuto una persona di grande spessore umano, professionale e intellettuale: gli auguro le migliori fortune per il futuro“.