Caos Inghilterra, tanti nomi per il dopo Allardyce

Il ct della nazionale inglese Sam Allardyce ha rassegnato le dimissioni dopo appena 67 giorni dall’ingaggio. Il motivo è uno scandalo messo in luce dal Telegraph, che ha incastrato l’allenatore inglese nell’atto di consigliare dei presunti investitori cinesi circa la possibilità di aggirare le regole della FA sul tesseramento di alcuni calciatori e in materia di TPO. Da valutare ancora la reale portata dell’indagine, con altri 8 manager, per ora anonimi, di Premier League coinvolti, ma in Inghilterra non si passa mai sopra certe cose e il regno di Big Sam è così finito anzitempo.

La panchina della nazionale inglese è stata affidata ad interim a Gareth Southgate, ct dell’Under-21 ed ex difensore dei Tre Leoni; difficilmente però verrà confermato ad oltranza, dopo che aveva già rifiutato l’incarico in estate, prima di virare appunto su Allardyce. Per la successione, la candidatura di Mancini, che sembrava caldissima qualche ora fa, pare raffreddatasi; da tenere d’occhio i profili di Bruce o Pardew (che però ha un contratto con il Crystal Palace, che difficilmente rescinderà), più defilato Blanc. Southgate avrà almeno un paio di partite per convincere e allontanare gli spettri di altri allenatori.