Chi è Dan Friedkin, il nuovo presidente della Roma

chi-è-dan-friedkin

Dopo 7 anni di gestione societaria James Pallotta lascia la Roma: il club giallorosso passa a Dan Friedkin che ne diventa il nuovo presidente. Le cifre dell’affare sono da capogiro: sono circa 780 i milioni versati dalla nuova proprietà per il passaggio del testimone.

Insomma, si tratta di un cambio di presidenza non di poco conto, con il subentrante che si assesta al terzo gradino del podio dei presidenti più ricchi del calcio italiano, alle spalle di Andrea Agnelli (Juventus, 15.9 miliardi di dollari) e Zhang Jindong (Inter, 6.8). Secondo Forbes infatti il nuovo presidente della Roma possiede un patrimonio economico di 4,1 miliardi di dollari (3,67 miliardi di euro). Ecco allora chi è Dan Friedkin.

Chi è Dan Friedkin?

La carriera imprenditoriale

Dan Friedkin nasce a San Diego, California, nel 1965. Suo padre, Thomas H. Friedkin, è stato un miliardario americano, pilota d’aereo e stuntman, fondatore di Gulf States Toyota Distributors.

chi-è-dan-friedkin

Il giovane Dan si laurea alla Georgetown University di Washington per poi proseguire gli studi con un master in Business administration alla Rice University di Houston. L’obiettivo è quello di seguire le orme del padre, intraprendendo così una carriera imprenditoriale.

Nel 1995 il trentenne Dan perde suo padre ed eredita la società di famiglia, diventandone così presidente. La Gulf States Toyota Distributors ha un successo enorme, vantando 150 concessionarie a Houston, Arkansans, Mississipi, Louisiana e Oklahoma. Basti pensare che nel solo 2018 la società ha registrato vendite di autovetture per un valore totale di 9 miliardi di dollari.

Dan Friedkin è inoltre CEO del Gruppo Friedkin che, oltre a comprendere la già citata Gulf States Toyota Distributors, include anche aziende di ospitalità, intrattenimento, golf e avventura.

L’amore per il cinema, per lo sport e per l’aviazione

La carriera imprenditoriale, oltre ai già citati settori automobilistici e alberghieri, si è diramata col tempo soprattutto attraverso la passione cinematografica. Dan Friedkin, in tempi molto recenti, si è avvicinato al mondo della settima arte, divenendo produttore e sperimentando addirittura un ruolo da regista.

Tra i film prodotti dal magnate texano vi sono:

  • The Square (2017), vincitore della Palma d’oro e candidato all’Oscar come miglior film straniero;
  • All the Money in the World (2017);
  • The Mule (2018), diretto e intepretato da Clint Eastwood.

Da annoverare infine “Lyrebird“, film del 2019 diretto proprio dallo stesso Dan Friedkin, che figura anche tra i produttori.

Anche l’amore per lo sport, come quello per il cinema, nasce in tempi molto recenti. Oltre alla passione per il golf, che lo ha portato ad aprire circoli esclusivi, vi sono le passioni per il basket e per il calcio.

Dan Friedkin, ad esempio, è da sempre un grandissimo tifoso degli Houston Rockets, squadra texana di pallacanestro che un paio d’anni fa provò anche ad acquistare, invano. L’interesse per il calcio è più recente e ha registrato il culmine proprio con l’acquisizione dell’AS Roma.

Doveroso menzionare infine la grande passione che lega Friedkin all’aviazione: così come suo padre infatti, anche Dan prova uno smisurato interesse per il mondo dell’aviazione. Il miliardario possiede anche una licenza di pilota con cui può prendere parte alla formazione dei voli acrobatici dell’Air Force. Non è un caso quindi che Friedkin possieda la più grande collezione d’America di vecchi aerei da guerra.