Danimarca, Eriksen dimesso: “Grazie a tutti per i messaggi di affetto, adesso sto bene”

christian-eriksen

Sono passati 6 giorni dal tragico episodio capitato al trequartista danese Christian Eriksen, in pochissimo tempo la sua vita è stata totalmente sconvolta. Sabato 12 giugno il centrocampista dell’Inter viene ricoverato di urgenza al Ringhospitalet di Copenhagen, è disorientato e tutto il mondo del calcio è appeso alla possibilità che possa ritornare a giocare a calcio. Poi arriva la conferma, sarà operato nella giornata del 17 giugno e gli verrà impiantato un defibrillatore, così come quello che ha il suo vecchio compagno di squadra Daley Blind, che potrebbe restituirgli la speranza di tornare a giocare.

Finalmente nella giornata del 18 giugno Christian Eriksen a seguito dell’esito positivo della sua operazione viene dimesso dall’ospedale di Copenhagen, adesso il giocatore si riposerà insieme alla sua famiglia, in attesa di notizie e, ovviamente lunedì sarà sugli spalti per sostenere i suoi compagni di nazionale. La prima tappa del giocatore una volta uscito è stata quella di andare a trovare proprio i suoi compagni della Danimarca e probabilmente avrà ringraziato in prima persona colui che gli ha salvato la vita, il capitano Simon Kjaer.

christian-eriksen

Il futuro del giocatore

Per quanto riguarda il suo futuro la situazione è ancora del tutto incerta, le regole sanitarie del nostro campionato non prevedono che un giocatore con il defibrillatore pratichi sport in modo professionistico, così l’Inter sarà obbligata a trovare una nuova sistemazione al campione ex Tottenham. Ultime notizie arrivate parlano di un defibrillatore temporaneo, ovvero nel caso in cui il corpo di Eriksen dovesse reagire bene, tra 2 settimane potrebbe tornare a vivere la vita di prima e giocare per la sua Inter per difendere lo scudetto appena conquistato con Antonio Conte.

Per adesso il danese si godrà questi momenti con la sua famiglia e tramite la pagina ufficiale della nazionale danese ha mandato un messaggio ai tifosi:

“Grazie per il numero enorme di auguri che ho ricevuto, è stato incredibile. L’operazione è andata bene e io sto bene, viste le circostanze. È stato davvero bello vedere i ragazzi dopo la fantastica partita che hanno giocato la scorsa sera. Ovviamente, sarò a tifare per loro lunedì per la sfida contro la Russia”