Duello Inter-Juventus: sarà un botta e risposta fino alla fine?

sarri-conte

Alla vigilia della tredicesima giornata di Serie A la distanza tra Juventus e Inter è di un solo punto. I bianconeri si stanno confermando i favoriti per la vittoria finale: 32 punti, 10 vittorie, 2 pareggi e 0 sconfitte. La squadra di Conte però non è da meno. Nonostante la rosa più corta dei rivali i nerazzurri non mollano un centimetro, confermando un testa a testa che potrebbe durare tutta la stagione. Ma riuscirà l’Inter a tenere il ritmo della Juventus?

cristiano-ronaldo-lautaro-martinez

Un dominio da interrompere

Ancora una volta la Juventus è in testa alla classifica del campionato italiano. Ormai ci siamo abituati. Reduci da 8 scudetti consecutivi vinti, sotto le gestioni di Allegri e dello stesso Conte, i bianconeri non hanno intenzione di lasciare lo scettro ed arrendersi proprio ora. Nonostante le insidie dal 2012 ad oggi rappresentate da Milan, Napoli e Roma, la Juventus si è dimostrata la squadra più forte d’Italia. E’ questo l’anno giusto per porre fine a questa egemonia?

L’Inter può giocarsela fino in fondo

I nerazzurri hanno le carte in regola per dare filo da torcere alla squadra di Sarri fino alla trentottesima giornata e per scucire il tricolore dalle maglie bianconere. Ci aspetta una lotta a distanza infinita che vedrà di fronte due compagini ben organizzate. L’Inter ha in panchina un allenatore vincente e determinato, nato per lottare fino all’ultimo secondo. Antonio Conte sta gestendo in modo perfetto una rosa di ottimi giocatori che stanno rendendo al meglio delle loro potenzialità.

Il tecnico ha  valorizzato ancora di più calciatori che sono diventati ormai punti fermi della squadra. Partendo dal capitano Handanovic passando per Skriniar, Sensi Brozovic, Barella e al rinato Candreva. Arrivando poi alla coppia d’attacco che sta facendo sognare la Curva Nord milanese. Lautaro Martinez e Lukaku si trovano a meraviglia. Il primo ha trovato finalmente la sua posizione ideale in mezzo al campo, il secondo sta trascinando i nerazzurri a suon di goal.

Una rosa limitata

Cosi ha definito il proprio organico proprio il tecnico pugliese dopo la dolorosa trasferta di Dortmund. Che la rosa dell’Inter sia corta è sotto gli occhi di tutti. Mancano alcuni innesti per completare la rosa e per far rifiatare i titolari visto anche l’impegno nelle competizioni europee. Chissà se la dirigenza nerazzurra non abbia ascoltato le parole di Conte e non stia già preparando nuovi colpi di mercato. Servono probabilmente validi giocatori per la difesa e il centrocampo dell’Inter per rendere la squadra ancora più competitiva ed arrivare a fine stagione con le pile ancora cariche.

Come una partita a scacchi

Rimangono 35 partite da vivere tutte d’un fiato per scoprire chi salirà sul tetto d’Italia. Le due forze principali del nostro campionato sono pronte a dare spettacolo e a rendere la lotta per il titolo un duello avvincente. La sfida è ufficialmente aperta e, proprio come una partita di scacchi, Inter e Juventus dovranno rispondere l’uno all’altra colpo su colpo. L’imperativo è uno solo: occhio a non sbagliare mossa perché l’avversario è pronto a “mangiarti”.