Esclusiva OkC, Battistini: “Inter su Cragno? Valuteremo a fine stagione. Molina merita la A”

alessio-cragno

Graziano Battistini, agente di Alessio Cragno e di Salvatore Molina, fra gli altri, ha rilasciato in esclusiva un’intervista alla redazione Ok Calciomercato, parlando del futuro dei due suoi assistiti, ma non solo.

Le parole di Battistini

Capitolo Cragno: secondo quanto ci risulta il giocatore sarebbe l’indiziato numero uno per il post Handanovic all’Inter? Che può dirci sul futuro del portiere del Cagliari?
“Il futuro in questo momento deve essere la partita con il Benevento che è determinante per la stagione. Il Cagliari, così come il Benevento, stanno lottando per una vita sportiva e parlare di mercato in questo momento mi sembra superfluo e poco rispettoso nei confronti del presidente Giulini e di tutto l’ambiente. Certo è anche che a stagione finita dovremo valutare tutte le offerte che ci sono in totale serenità e tranquillità, rimanendo nella concezione che sarà un mercato povero, austero, in cui tutte le parti dovranno accontentarsi”.

salvatore-molina

Un altro suo assistito che ha fatto bene quest’anno in Serie A è Salvatore Molina, che a Crotone è stata una delle poche luci della stagione. Il prossimo anno il ragazzo rimarrà ancora in Italia ed in Serie A?
“Molina è uno dei pochi calciatori del Crotone che ha dimostrato di essere e di meritare la Serie A. Di conseguenza credo che tanti club hanno visto ed analizzato le sue prestazioni e faranno le loro valutazioni. Il ragazzo, comunque, fa parte di una società seria come il Crotone che vorrà tornare in Serie A sicuramente sin da subito. Bisogna capire quali saranno gli sviluppi del prossimo mercato, se ci saranno offerte per lui o se continuerà a giocare nel Crotone. Comunque, meriterebbe la Serie A”.

Come agenzia, la sua è molto presente anche all’estero, soprattutto in Spagna, campionato in cui avete la procura di giocatori importanti come Fekir. Trattando il tema più in generale e tenendo conto della pandemia, come crede sarà gestito il mercato dalle società e come potrebbero mutare i rapporti fra quest’ultime e i giocatori sotto contratto?
“Il Covid ha influenzato ed influenzerà tutti i mercati, da quello spagnolo a quello italiano. I club sono andati in profonda difficoltà, avendo incassato meno soldi da sponsor, pubblicità, stadi, quindi hanno ridotto le loro entrate. Di conseguenza hanno tendenzialmente mantenuto le uscite preventivate dal pre Covid. E’ evidente che tutte le società dovranno limitare i costi di acquisti e di ingaggi. Sotto quest’ultimo aspetto serve che i giocatori abbassino loro pretese e si accontentino”.