FIGC, Gravina: “Calcio a rischio default, c’è l’esigenza di un intervento esterno”

gabriele-gravina

Il presidente della FIGC, Gabriele Gravina, ha parlato questa mattina ai microfoni di Sky Sport e Radio anch’io sport facendo un appello al Governo per salvare il mondo del calcio e dello sport, soprattutto a livello dilettantistico. Di seguito riportiamo le sue parole.

“Calcio a rischio default”

“Il calcio oltre ad avere grande capacità di rappresentare un mondo trasversale e di aggregazione sociale, risponde alle logiche dell’economia di mercato. Contratti con costo del lavoro pre Covid, e ricavi che soffrono per l’emergenza del lockdown e non solo, generano condizioni di default. Quindi chiediamo un intervento che possa attivare meccanismi per superare questo momento grande criticità.

Sappiamo tutti che far ripartire il calcio a giugno è stato molto impegnativo, la ripartenza 2020-2021 ci preoccupa moltissimo, anzi molto di più di quella ripartenza. Oggi il mondo del volontariato e il mondo del mondo dilettantistico è sfiduciato, quei mecenati impegnati nel mondo di base e nel professionismo di base stanno meditato di abbandonare e questo non ce lo possiamo permettere come mondo dello sport e come Paese. C’è l’esigenza di un intervento esterno che auspichiamo in tempi rapidi perché possa alleggerire queste criticità, una sorta di recovery fund per il mondo dello Sport”.