FIGC, Gravina: “Juventus? Aspettiamo il processo. È un tema che può riguardare anche altri soggetti”

gabriele-gravina

Nel corso del convegno “Calcio e Welfare“, con sede a Napoli, il Presidente della FIGC, Gabriele Gravina, ha detto la sua sulla situazione della Juventus e in generale sul polverone mediatico sollevato in seguito alla notizia delle dimissioni del Consiglio di Amministrazione della società bianconera.

gabriele-gravina

Le dichiarazioni di Gravina sulla Juventus

Queste le parole del Presidente Gravina: “Se vogliamo andare sul linciaggio di piazza non è un problema, ma stiamo calmi perché temo che quel tema possa riguardare anche altri soggetti. Il tema che questo argomento può riguardare altri club non è riferito all’indagine in corso sulla Juventus, ma ad una reazione esasperata che in Italia, in generale, rende colpevole chi ancora non è stato condannato”. Riguardo a delle possibili sanzioni per il club torinese: “Non mi piace l’idea di sanzionare alcune realtà, nel caso specifico la Juventus, prima che ci sia un processo – ha proseguito -. Ci sono delle indagini, ci sono delle acquisizioni di atti, la nostra procura è allertata, ma non conosciamo l’esito e lasciamo andare avanti la magistratura ordinaria. C’è comunque un collegamento tra i due rami della giustizia, ma aspettiamo cosa emerge dal processo e poi facciamo una riflessione sul sistema. Non colpevolizziamo e sanzioniamo i soggetti prima delle indagini“.

Le parole del Presidente della FIGC in merito all’attacco della Liga

Per concludere, il numero uno della FIGC ha commentato gli attacchi rivolti dalla Liga spagnola e dal suo presidente, Javier Tebas, nei confronti della Juventus: “Su questo caso siamo in stretto contatto con l’Uefa, ma anche qui vediamo alcune riflessioni e attacchi gratuiti da parte di chi dovrebbe guardare in casa sua. Credo siano piuttosto fuori luogo. L’Uefa è un organo internazionale in contatto con noi, quindi aspettiamo il processo e poi traiamo le conclusioni“.