Fiorentina, Commisso: “Pazzo chi dice che non spendo. Italiano? Dette idiozie su di noi”

rocco-commisso

Rocco Commisso torna a parlare del momento della sua Fiorentina attraverso i canali social del club. Il patron italo-americano ha toccato numerosi argomenti: dal suo rapporto con l’allenatore, Vincenzo Italiano, ai conti della società, in particolar modo le risorse spese negli ultimi tempi.

rocco-commisso

Il rapporto con la squadra…

Sono tornato in America a inizio Novembre e spero di tornare presto a Firenze. Il mio rapporto con la squadra? Ho parlato con tutti. Voglio ricordare che io ci sarò sempre e difenderò sempre chi lavora con me. Lo sto facendo dal 2019 e sempre lo farò. Non sono contento dei risultati ma per me questa è la miglior stagione mai fatta. Abbiamo 34 punti, solo una volta abbiamo fatto meglio. In passato abbiamo avuto alti e bassi e come gruppo unito riusciremo a superare anche questa situazione. Ai giocatori ho chiesto massimo impegno“.

…e Italiano

Io ci parlo spesso, ha la nostra massima stima. Hanno detto cose imbarazzanti su di me e sul mio rapporto con lui. Inoltre, sono state usate parole cattive e sbagliate nei confronti di Biraghi. Un ragazzo che lotta per la nostra maglia“.

I tifosi

Quelli che vogliono bene alla Fiorentina devono sostenere la squadra. Adesso è più facile criticare, ma bisogna rimanere uniti. Molte persone fanno i soldi con la Fiorentina ma vanno sempre contro di noi. Quando tornerò affronterò questa situazione“.

I conti

I ricavi del 2023 sono stati 146 milioni, inclusi i 25 milioni della Mediacom. Miglior risultato della storia della Fiorentina. Sorrido quando leggo che non voglio spendere, pazzo chi lo crede. Dal 2019 a giugno 2024 ho speso più di 400 milioni per la Fiorentina. I conti sono in regola, ma non significa che dobbiamo spendere cifre per noi fuori mercato“.

Il mercato

Sono molto contento di Belotti e Faraoni, due giocatori che hanno indossato la fascia da capitano nei loro ex club. Belotti lo seguivo da tempo e sono molto felice di averlo qui con me“.