Roma, senti Gyomber: “Coi giallorossi non ci si allenava come faccio qui a Bari”

Una delle ultime trattative in uscita che hanno acceso il calciomercato estivo è stata quella che ha portato Norbert Gyomber, centrale difensivo classe ’92, a trasferirsi in prestito dalla Roma al Bari

Lo stesso giocatore ha raccontato la trattativa ai microfoni di Tuttobari.com, sottolineando come l’affare si sia concluso in maniera piuttosto semplice e senza i soliti intoppi da calciomercato: “Ad una settimana dalla fine del mercato è uscita questa cosa, ho parlato col direttore sportivo e ora sono felice di essere qui”.

GYOMBER: “TOTTI HA PARLATO CON ME COME CON TUTTI GLI ALTRI. UNA LEGGENDA”

Nel corso dell’intervista lo slovacco ha poi tirato le somme dell’esperienza, certamente non brillantissima, vissuta nella Capitale: “A me piace giocare anche la palla e di testa penso che non sono scarso essendo alto. E’ vero, mi hanno provato anche terzino e davanti la difesa: qualsiasi ruolo per me non è un problema. Da quando sono a Bari – ha continuato il difensore – non abbiamo fatto tante cose tatticamente, ma ci siamo allenati duramente tanto che sono rimasto un po’ sorpreso dall’intensità degli allenamenti. Né a Roma né a Pescara ho lavorato così.

Due parole, infine, anche sull’addio di Totti, cui Gyomber ha avuto la fortuna di assistere in prima persona: “Mancherà tantissimo, una leggenda e un giocatore straordinario. Per quanto riguarda il nostro rapporto, lui ha parlato con me come con tutti gli altri.”