Ibrahimovic: “Al Milan mi sento a casa, questa stagione dobbiamo vincere. Pirlo? Sarà un grande”

zlatan-ibrahimovic

Zlatan Ibrahimovic e il Milan, una storia d’amore che continua con entusiasmo. Ufficializzato il rinnovo di un anno, l’attaccante svedese è stato intervistato dal sito ufficiale del club rossonero.

“Calhanoglu ha una grande responsabilità”

Sulle sensazioni con la maglia del Milan.
“Mi sono sempre sentito parte del Milan anche quando ho giocato con altre squadre perchè mi ha sempre trattato bene dal primo giorno. Quando sono arrivato la prima volta al Milan ho sorriso, una cosa mai fatta prima nel mio lavoro. Mi sento a casa e non sento che sono stato via”.

Sulla scelta della maglia.
“Ho scelto la maglia numero 11 perchè i tifosi del Milan mi conoscono con questo numero. Con il numero 21 non mi sentivo l’Ibrahimovic del primo Milan, quindi ho chiesto questo numero per sentirmi come prima”.

Sulla scelta di tornare al Milan.
“Sono venuto qua per portare il Milan ai suoi livelli, dove merita di essere. Faccio tutto per arrivare agli obbiettivi prefissati. Bisogna lavorare con grande sacrificio ma gli ultimi 6 mesi che abbiamo fatto, hanno fatto vedere cosa serve per arrivare a certi obbiettivi. Non si deve dimenticare però che non abbiamo vinto niente. Nella mia testa l’obbiettivo è sempre vincere qualcosa. Questa stagione dobbiamo vincere”.

Sul rinnovo.
“Voglio ringraziare la società e il mister per la fiducia che mi danno. Hanno fatto di tutto per tenermi nel Milan. Negli ultimi 6 mesi ho dimostrato che l’età non conta nulla. In vacanza ho parlato tanto con la società e ho visto il mio futuro nel Milan. Penso solo al calcio e ad aiutare la squadra per soddisfare i tifosi”.

zlatan-ibrahimovic

Sulla prossima stagione.
“Il Milan deve continuare come ha finito la stagione, deve lavorare e credere come abbiamo fatto nell’ultimo periodo. Giocare con orgoglio e fiducia ricordandosi che quando ci si mette la maglia del Milan è un grande privilegio ma al tempo stesso fonte di pressioni. Tutta la squadra ha fatto bene e ha capito cosa serve per arrivare in alto. Ora dobbiamo lavorare bene dal primo o giorno”.

Sui tifosi.
“Siamo stati bravi negli ultimi mesi ma con i tifosi saremmo stati ancora più forti. Spero possano tornare presto a San Siro”.

Su Pirlo.
“Sono contento per lui. Quando era calciatore si vedeva che aveva un grande pensiero, differente da altri giocatori. Pensava già da allenatore anche da come parlava di calcio. Andrea Pirlo sarà un grande allenatore e sono contento che abbia la possibilità di allenare un grande club come la Juventus.

Su Calhanoglu.
“Quando ho conosciuto Calhanoglu la prima volta gli ho detto che avere la numero 10 al Milan è un grande privilegio e che tutti i calciatori con la 10 in rossonero sono stati grandi. Ha una grande responsabilità ma se lavora bene, può meritarla. Ha lavorato benissimo negli ultimi 6 mesi e deve continuare così. Non si deve fermare, non bisogna essere mai soddisfatti di sé stessi. Spero che continui così anche perchè può fare molto di più”.

Sulla squadra.
“Deve lavorare con grande sacrificio e deve avere una mentalità vincente. E’ importantissima perchè con la mentalità giusta si arriva agli obbiettivi anche quando le cose non vanno bene. Bisogna lavorare e credere negli obbiettivi. Questo cerco di portarlo al resto della squadra e far capire che bisogna dare il 200% sia in allenamento sia in partita”.