Insigne: “Vorrei rigiocare Napoli-Lecce. Benevento? Merita la Serie A”

lorenzo-insigne

Il capitano del Napoli, Lorenzo Insigne, ha rilasciato un’intervista ai microfoni di Radio Kiss Kiss, radio ufficiale della società campana. Il numero 24 partenopeo ha commentato questo periodo di emergenza e ha dichiarato che la squadra sta lavorando per farsi trovare pronta.

Per quanto riguarda la Nazionale, Insigne ha parlato del prossimo Europeo e del suo particolare rapporto con Gattuso e con suo fratello Roberto, attaccante del Benevento. Insigne ha aggiunto che gli stregoni meriterebbero la promozione in Serie A per ciò che hanno dimostrato quest’anno.

lorenzo-insigne

L’intervista completa di Insigne

Ti manca il campo? “Sì, tanto. Ma non solo a me, credo a tutti. Stiamo facendo un grosso sacrificio e dobbiamo continuarlo a fare finché non finirà tutto. La cosa importante è la salute. Ci stiamo allenando a casa. Ora preferisco allenarmi fuori al balcone, così poi si riprende tutto al più presto”.

Che tipo di allenamenti fate? “Siamo in contatto con lo staff del mister. Stiamo lavorando tanto, è giusto perché nel nostro mestiere è implicato lo stare in forma. Facciamo tapis-roulant e forza quando si deve”.

Com’è il tuo rapporto con Gattuso? Con lui sembri rinato. “Dal primo giorno che è arrivato mi ha subito parlato, fatto sentire importante. Quella per me è stata una cosa positiva. Poi io ho un bellissimo rapporto con lui. Stando in quarantena, ci sentiamo spesso, per gli allenamenti e per tutte le altre questioni”.

Tavecchio ha detto che giocavate a boccette in Francia. “Sì, eravamo in Francia, a Montpellier, in ritiro per gli Europei. C’era una saletta in un hotel tutto per noi per passare il tempo dopo gli allenamenti. Giocavamo io, Immobile, El Shaarawy e Florenzi. Insieme ci facevamo un sacco di risate. Spero di vedere presto e abbraccia il presidente”.

In ottica Nazionale, un anno in più vi fa bene? “Sono d’accordo con Mancini: un anno in più fa meglio. Avremo più esperienza, una maggiore consapevolezza. Poi recupereremo anche degli infortunati e questo sarà buono. Se quest’anno potevamo fare un grande Europeo, sono convinto che anche l’anno prossimo potremo arrivare in fondo”.

Da capitano senti spesso anche i tuoi compagni? “Ci sentiamo spesso sul gruppo, scherziamo tra di noi, tra chi si rasa i capelli, chi la barba. Ieri li ho sentiti e gli ho detto di stare tranquilli, di allenarci per farci trovare pronti quando riprenderemo, per ripartire da dove ci siamo fermati”.

Nelle ultime partite eravate ripartiti alla grande. “Stavamo facendo bene. Ma se ripenso la partita col Lecce… Vorrei rigiocarla di nuovo perché non abbiamo fatto bene, sprecando tante occasioni. Ma abbiamo fatto anche grandi partite, come col Barcellona. E questo è merito del mister e dello staff che ci hanno preparati al meglio per affrontare quelle partite”.

Ti viene meglio la pizza al forno o il tiro a giro di destro? “Mia moglie e i miei figli mi hanno fatto i complimenti. Io non l’ho manco mangiata perché devo tenere la linea. Ma preferisco il tiro a giro…”.

Interviene il fratello Roberto Insigne, che si finge un tifoso, chiedendo gli ingredienti per la pizza. “Non è un tifoso. E’ mio fratello, è normale che lo riconosco (ride, ndr). Io gliela do la ricetta, ma voglio un video suo mentre prepara la pizza. Ma devi prepararla tu Roberto, non farla fare ad altri! Gli ingredienti li vuoi?”.

Anche tuo fratello è bravo col tiro a giro. “Ma deve ancora un po’ migliorare…”.

Arrivano parole dolci dal fratello Roberto a Lorenzo, che risponde così: “Mi fai emozionare. Queste cose le so perché le dice spesso anche a me. Lui deve continuare a lavorare, così, ha tutte le qualità e le potenzialità che diventi un campione”.

E poi il Benevento merita di tornare in Serie A: “Sì, lo merita sicuramente. Non si è mai visto in Serie B un distacco così forte con la seconda”.

Più martello Gattuso o Inzaghi del Benevento secondo te? “Gattuso è un martello quando deve esserlo. Prima degli allenamenti scherza e ride, ma quando si entra in campo è giusto concentrarsi per tutto il tempo sulll’allenamento”.

Un appello in vista della Pasqua? “Per noi napoletani Pasqua e pasquetta sono l’occasione per divertirci, ma quest’anno dobbiamo rispettare le regole e stare a casa. Ci manca l’ultimo step per superare tutto e non dobbiamo rovinare tutto ora. Quando finirà tutto, ci sarà il tempo per recuperare e festeggiare tutti insieme”.