Juventus, possibile rottura con de Ligt: gli scenari

matthijs-de-ligt

Secondo quanto riportato dal Corriere dello Sport, Matthijs de Ligt avrebbe chiesto la cessione alla Juventus. Durante l’incontro tenuto ieri a Milano, la dirigenza bianconera e l’avvocato Rafaela Pimenta, che cura gli interessi del difensore, non avrebbero trovato un punto d’incontro tra domanda e offerta. Il club piemontese ha tuttora l’intenzione di proporre un rinnovo di contratto fino al 2026 con una clausola da 115 milioni di euro. Cifra troppo alta secondo l’entourage del giocatore secondo cui la cifra ideale si aggirerebbe intorno agli 80 milioni. Un secondo capitolo è rappresentato dallo stipendio: de Ligt percepisce 8 milioni più bonus per un totale di 12. Cachet ritenuto troppo alto al momento per la dirigenza che vorrebbe ridurre, se non rimuovere, i relativi bonus. Il calciatore aveva già riassunto tutti i suoi obiettivi in una parola: vincere. Ha inoltre sottolineato come i due quarti posti consecutivi in campionato non fossero soddisfacenti per effettuare quel salto di qualità che alla Juventus manca in Europa da diversi anni.

matthijs-de-ligt

Che cosa farà de Ligt?

Le squadre al momento in pole per l’acquisto dell’olandese sono Chelsea e Manchester United. Se fino a qualche settimana fa de Ligt doveva essere uno dei pilastri per costruire la Juventus del futuro, adesso è a un passo dall’addio. Motivo per cui, la dirigenza deve mettersi a lavoro per garantire ad Allegri il possibile sostituto del numero 4, anche dopo l’addio di Chiellini. La situazione al momento sembra molto complessa. Oltre al Chelsea, lo United ha un’arma in più per arrivare a de Ligt, ovvero Ten Hag. Il tecnico, che ha già allenato il difensore all’Ajax, vorrebbe riportare il suo pupillo al suo cospetto. Le possibili insidie potrebbero essere rappresentate da Manchester City, Real Madrid e Psg. I bianconeri, dunque, potrebbero accontentarsi di un’offerta intorno agli 80-90 milioni di euro.