Juventus, lo sfogo dell’agente di Fagioli: “Volevamo restare, ma nel calcio di oggi i giovani non contano”

nicolo-fagioli

Andrea D’Amico non le ha mandate a dire alla Juventus. L’agente di Niccolò Fagioli ha parlato ai microfoni della Rai, sottolineando il trattamento riservato dalla dirigenza juventina verso il suo assistito. C’erano sicuramente ambizioni ed aspettative diverse prima di iniziare la stagione, ha raccontato D’Amico, ma in questo momento la partenza last minute del giovane centrocampista rimane l’ipotesi più accreditata. Soprattutto dopo queste parole.

andrea-damico

Juventus, lo sfogo di D’Amico su Fagioli

Queste le parole rilasciate da Andrea D’Amico ai microfoni della Rai su Fagioli: “È rimasto fuori all’ultima per un leggero fastidio muscolare. Per il resto, sono di parte: la forza di un tecnico è investire sui giovani, sulle risorse. Il mercato della Juventus è stato condizionato dalle uscite sperate e non verificatesi. Un conto è fare un mercato virtuale, una strategia, pensare a cedere Arthur, Rabiot, McKennie, uno è se non si concretizzano. E se è così, devi sacrificare i giovani. L’auspicio di questa nuova Juventus era che potessero essere valorizzati, quando hanno giocato hanno fatto sognare i tifosi della Juventus. Ci saremmo augurati di restare alla Juventus, ma nel calcio ci sono delle economie di scala dove è più facile far partire un giovane e lasciar fuori chi guadagna 5-6 milioni”.