Kvaratskhelia: “Napoli è casa mia. Andassi via mi mancherebbe tutto”

khvicha-kvaratskhelia

Khvicha Kvaratskhelia deve tutto al Napoli e alla città. In una sola stagione, il georgiano ha contribuito alla vittoria di uno storico Scudetto, a 33 anni di distanza dall’ultimo del club azzurro guadagnandosi, di conseguenza, tutto l’amore possibile del popolo partenopeo. Il ragazzo, però, ha parecchie offerte in giro per l’Europa e un addio, prima o poi, potrebbe concretizzarsi. La cosa certa è che lui, ormai, si sente parte dell’enorme famiglia napoletana e andare via significherebbe rinunciare a tutto. L’ha rivelato lui stesso in un’intervista rilasciata ai canali della Lega Serie A, dove ha ripercorso la sua esperienza dall’inizio.

khvicha-kvaratskhelia

Napoli è casa

“Mi manca casa mia ogni giorno, ma ora sento che casa mia è in Italia e soprattutto in questa città, in cui si vive per il calcio. Si vede che i tifosi sono felici quando guardano il calcio e questo è incredibili perché non lo vedi da nessun’altra parte, devo dire. Il modo in cui i tifosi mi trattano, il modo in cui i tifosi mi amano, è una cosa grandissima”.

In caso di addio…

“Quando vinci il titolo una volta vuoi vincerlo di nuovo, provi a bissare il successo e a dare il massimo per riuscirci. Ma nella vita nulla è facile. Sono diventato campione d’Italia alla mia prima stagione e sono stato il primo a dare il via alla festa. Ho imparato tanto qui, non solo nel calcio ma proprio nella vita. Ho imparato tante cose fuori dal campo sul Napoli e sulla gente. Far parte di questa città è un’esperienza meravigliosa. Se dovessi andarmene sono sicuro che mi mancherebbero tante cose”.