Lazio, Lotito: “Se Luis Alberto vuole andare via porti una squadra con i soldi. Milinkovic? Non è in vendita”

claudio-lotito
Claudio Lotito - Foto Antonio Fraioli

Claudio Lotito a poche settimane dall’inizio del calciomercato invernale prova a fare chiarezza sulle cessioni di Luis Alberto e Milinkovic-Savic. Il patron della Lazio ha rilasciato un’intervista a Il Messaggero in cui ha ribadito che il serbo non è in vendita. La Juventus è da tempo sul centrocampista ex Genk, ma per strapparlo ai biancocelesti ci vorrà più di qualche standing ovation riservatagli dall’Allianz Stadium durante l’ultimo match di Serie A tra le due compagini.

Per lo spagnolo invece, il discorso è ben più diverso. Dall’arrivo di Sarri, l’ex Liverpool ha manifestato qualche malumore che lo sta spingendo a chiedere di essere ceduto a gennaio. La richiesta della Lazio è di 25 milioni di euro ma pochi club sono disposti a spendere questa cifra.

luis-alberto
Luis Alberto – Foto Antonio Fraioli

Le parole di Claudio Lotito

Ecco le parole di Claudio Lotito rilasciate a Il Messaggero su Luis Alberto e Milinkovic-Savic.

Su Milinkovic-Savic
“Tutti dicono Milinkovic va di qui, va di là, ma non è in vendita, si sa quanto vale per me e per la Lazio, e io sono fermo ai discorsi sul rinnovo. Tra l’altro voglio augurare sia a lui che a Vecino di fare un grande Mondiale, visto che rappresenteranno la Lazio”.

sergej-milinkovic-savic
Sergej Milinkovic-Savic – Foto Antonio Fraioli

Su Luis Alberto
“Se vuole andare via, porti una squadra con i soldi, perché io non ci penso proprio a darlo in prestito a gennaio. E non ho ricevuto nessuna richiesta dall’Atletico. Al momento, la situazione non è cambiata rispetto all’estate, quando il Siviglia lo aveva forse illuso. Non sto a nessun giochetto. Luis Alberto è forte, un valore aggiunto della Lazio e si può ancora trovare un compromesso. Lui deve accettare le scelte dell’allenatore e Maurizio può essere più comprensivo e capirlo, perché ogni giocatore ha un carattere diverso. Mica possono avere tutti la testa di Pedro”.