Lione’s got talent

Ieri sera, nella gara valida per l’andata degli ottavi di Europa League, il Lione ha strapazzato una Roma troppo brutta per essere vera. Il 4-2 esprime a pieno il contenuto della partita: equilibrata per un tempo, seconda frazione dominata dai padroni di casa.

Gli enfants terribles di Génésio hanno fornito una prestazione più che convincente, mettendo in luce le qualità (eccelse) dei singoli al servizio della squadra. E hanno di mostrato che di talento ne hanno, da vendere.

GIOVENTÙ AL POTERE

Da qualche anno a questa parte, il Lione ha perso qualche posizione nel campionato nazionale (pur restando prevalentemente in zona Champions), complice l’ascesa irrefrenabile del PSG. In questi anni di transizione Aulas, ha iniziato a sviluppare un progetto interessante, improntato su giovani di belle speranze, possibilmente francesi. Infatti, l’età media della rosa è di soli 24,4 anni, mentre la media del campionato francese si aggira sui 26. Per intenderci, gli undici di partenza della sfida con la Roma avevano un’età media di 25 anni, e in campo c’erano due 32enni (Valbuena e Morel).

Uno dei punti di forza della società transalpina è la salvaguardia del proprio patrimonio. Il presidente Aulas è notoriamente restìo a privarsi dei propri talenti, e quando è costretto a cedere lo fa solo al netto di plusvalenze importanti. Vedi Umtiti, venduto in estate al Barcellona per ben 25 milioni, dopo averlo cresciuto nella propria Tola Vologe (settore giovanile).

La cosa curiosa, è che nel match contro la Roma di Spalletti, sono andati a segno i 3 talenti più interessanti e chiacchierati della squadra di Génésio, nell’ordine: Tolisso, Fekir e Lacazette. Da sottolineare anche le prestazioni di Rachid Ghezzal (24), e quella di Tousart (19) che non ha sfigurato nella sfida con uno dei centrocampi meglio assortiti d’Italia.

CORENTIN TOLISSO – 22 anni

Classe 1994, centrocampista duttile, capace di giocare come sia da mezz’ala che da incontrista. Il giovane Corentin è stato uno dei migliori in campo, una vera e proprio spina nel fianco della mediana giallorossa. È riuscito ad annullare, o quantomeno a rendere inefficace, Radja Nainggolan, uno degli uomini di Spalletti più in forma. Ottima partita condita da uno splendido gol. Non una novità, come testimoniano le 10 reti condite da ben 5 assist. Non male per un centrocampista che si sta affacciando al calcio che conta.

http://giphy.com/gifs/okcalciomercato-tolisso-11JAHXUx7V9HvG

Da qualche tempo, Tolisso è finito nel mirino delle big di mezza Europa. Al momento la più accreditata per l’acquisto è la Juventus di Allegri, che già a gennaio aveva provato il colpaccio. Aulas, si sa, non fa sconti, e non accetterà offerte sotto ai 20 milioni di euro.
NABIL FEKIR – 23 anni 

La sua entrata al 71esimo ha spaccato la partita. Mancino morbidissimo e di tecnica sopraffina, il classe 1993 ha deliziato il pubblico con una rete fantastica. Slalom gigante tra 3 difensori e sinistro a giro sul secondo palo. Con quella di ieri sera fanno 10 reti in 33 presenze stagionali, più altri 10 assist per i compagni.

Nonostante sia partito dalla panchina, Fekir è la vera forza del Lione nella fase offensiva: per lui 2.71 key passes a partita, e 2.77 tiri ogni 90’. Solo Lacazette tira di più in porta.

http://giphy.com/gifs/okcalciomercato-fekir-5jIVlOKJL899u

Fekir è uno dei papabili partenti a giugno. Il costo del cartellino non è alto come quello degli altri due (Tolisso e Lacazette): si aggira sui 15/18 milioni. Su di lui si sono mosse in anticipo Real Madrid e Arsenal; il Milan sullo sfondo, in attesa di sviluppi.

ALEXANDRE LACAZETTE – 25 anni 

Nel doppio confronto con la Juventus, Lacazette era stato poco incisivo e aveva pure sbagliato un rigore nella gara di ritorno. Si rifà con gli interessi sui giallorossi. Ottima partita di sofferenza contro la solida difesa romanista, condita da una perla nel finale che chiude il match.

Lacazette ha tutte le caratteristiche del prototipo dell’attaccante moderno. Un centravanti atipico, che fa della rapidità e dell’imprevedibilità i suoi punti di forza, che non disprezza lo scontro fisico e si rivela uno spietato finalizzatore. Per lui 27 reti in 33 presenze. Da migliorare invece l’intesa con i compagni, che gli hanno prodotto la miseria di 3 assist totali.

Dei tre è il più “vecchio”, e di tre è l’unico per cui Aulas richiede follie vere. In passato è stato sul punto di lasciare Lione ma il presidente ha sempre posto il veto sulla cessione. La squadra più vicina a prendere Lacazette è stata l’Arsenal, che si è vista rifiutare un’offerta da circa 35 milioni. Mezza Europa è sulle sue tracce, ma oltre ai soliti nomi spunta quello della Juventus, che lo ha visionato sia in occasione dei match di girone, che nella partita di giovedì con i giallorossi.

http://giphy.com/gifs/lacazette-okcalciomercato-ssrEVIxTHpD4A