Manchester City, Guardiola: “Mai cercato dalla Juventus. Scudetto? Spero lo vinca il Sassuolo”

pep-guardiola

Pep Guardiola, allenatore del Manchester City, è intervenuto durante l’evento “Dialoghi sul talento”, realizzato dalla Fondazione CRC in collaborazione con Fondazione Vialli e Mauro per la Ricerca e lo Sport Onlus, Fondazione Guardiola Sala e con il supporto di Collisioni. Il tecnico spagnolo ha smentito le voci che lo hanno accostato in passato alla Juventus e si è soffermato anche su Erling Haaland, Lionel Messi, Roberto Baggio, Massimiliano Allegri, Roberto De Zerbi e non solo.

pep-guardiola

Le sue dichiarazioni

Il gioco di Allegri?
“Pensate che Allegri non voglia vincere? Lo stesso discorso vale anche per De Zerbi, entrambi vogliono vincere. Allegri è convinto di poter vincere con le sue idee, idem De Zerbi. De Zerbi non cerca l’estetica, vuole vincere. E crede di poterlo fare giocando secondo quello che è il suo credo. Tutti gli allenatori vogliono vincere, nessuno pensa solo al bello e dice che non gli interessa vincere. Non ho mai visto un allenatore che non vuole vincere o un giocatore che non vuole giocare bene. Sono modi di interpretare il calcio”.

L’interesse della Juventus?
“Non mi ha mai cercato. In Italia vengo spesso, mi piace molto e si mangia molto bene”.

Messi?
“È il più forte che abbia mai visto. Maradona ai suoi tempi sicuramente è stato il più forte, ma Messi è un’altra roba”.

Haaland?
“Ha in comune con Messi il senso del gol, l’argentino è più trequartista ma se gli dai una palla vicino all’area di rigore fa gol”.

Baggio e Mazzone?
“Essere allenato da Mazzone, aver giocato con Baggio… Questo è quello che resta, le persone e l’esperienza di aver lavorato con loro. Ho conosciuto Baggio dopo 7 operazioni, non poteva camminare. Se gioca così – pensavo – non oso immaginare ai tempi della Fiorentina e della Juventus… Quanto condiviso con lui è stato indimenticabile. Mazzone? La prima volta che mi ha visto mi ha detto Non ti volevo’. Lui era un allenatore vecchia scuola, poca tattica, due parole a tutti con impatto e carisma”.

Chi vince lo Scudetto?
“Mi auguro il Sassuolo”.