Milan, Bonucci si presenta: “Io come Pirlo. Se segno alla Juventus…”

Leonardo Bonucci, Milan 2017-2018

Leonardo Bonucci è il fiore all’occhiello di una campagna acquisti straordinaria. Il Milan sta gettando le fondamenta di un progetto che vuol essere solido. Il difensore centrale della Nazionale ne sarà la colonna portante. In un’intervista rilasciata alla Gazzetta dello Sport, l’ex Juventus è tornato a parlare della sua vecchia squadra e non solo…

MILAN, PARLA BONUCCI: “AD OPORTO C’È STATA LA ROTTURA, SAPEVO SAREI ANDATO VIA”

“Sono convinto che al Milan nascerà una nuova era. Mi sembra il primo anno di Conte alla Juventus: ottimi giocatori dal mercato, convinzione di fare bene. Mi aspettavo più scetticismo, questo entusiasmo è fantastico.

Il mio acquisto da parte del Milan è stato come quello di Pirlo per i bianconeri a suo tempo, ne sono convinto. Spero di fare nel Milan ciò che Pirlo ha fatto alla Juve col percorso inverso.

Belotti al Milan? Lui è uno che trascina, che lavora tanto. Se lo prendessimo sarebbe un bel colpo. Non so se arriverà lui, ma chi dovesse arrivare si deve mettere a disposizione nelle due fasi. Una punta di alto livelo ti facilita in tante cose, sarebbe la chiusura perfetta di un mercato stimolante ed entusiasmante.

I tempi del mio trasferimento? La trattativa è durata tre giorni, tutto vero. Nata e conclusa subito: mi hanno fatto sentire subito a casa, un contratto di cinque anni e tanta voglia di Milan. C’erano anche altre offerte dall’estero e con un ingaggio superiore a questo. Invece nulla dall’Inter.

La rottura con la Juve? Tutto è nato ad Oporto, lì abbiamo capito che ci saremmo separati. Ma anche altre cose erano successe in precedenza. La società ha concordato a vendermi al Milan.

Se segno alla Juve? Esulterei sciacquandomi la bocca. È un’esultanza che mi porto dietro da quando sono piccolo, non la cambo”.