Milan, Pessina è più di un’idea: rinnovo con l’Atalanta è sempre più complicato

matteo-pessina

Matteo Pessina, autore di una strepitosa stagione con la maglia dell’Atalanta, è finito nel mirino del Milan. Per il classe ’97 non sarebbe la prima volta nel club rossonero, infatti fu proprio il Milan a cederlo ai nerazzurri nel 2017 per una cifra intorno a 1,65 milioni di euro. Secondo la Gazzetta dello Sport, l’idea di riportare Pessina a Milano potrebbe essere una strada percorribile soprattutto grazie ad una clausola che fu inserita proprio nel 2017. Quando venne fatto l’affare con l’Atalanta, che portò Conti al Milan, i rossoneri inserirono nell’accordo su Pessina il 50% sulla futura rivendita del centrocampista.

Situazione rinnovo

Dopo l’esaltante stagione di Pessina con l’Hellas Verona durante lo scorso anno, l’Atalanta ha deciso di trattenerlo e renderlo un giocatore chiave nella rosa di Gasperini. La scelta si è rivelata giusta. Quest’anno ha giocato 32 partite tra tutte le competizioni, segnando 3 gol e realizzando 2 assist. Nonostante questi numeri, il rinnovo da parte di Percassi non è ancora arrivato. Il contratto del calciatore è in scadenza nel 2022 e guadagna attualmente 400 mila euro. L’Atalanta è disposta ad aumentare lo stipendio, arrivando anche ad offrire un milione di euro a stagione, ma l’idea di tornare al Milan potrebbe stuzzicare e non poco Matteo Pessina. La valutazione del classe ’97 si aggira intorno ai 20 milioni.

matteo-pessina

Perché il Milan vorrebbe Pessina

Matteo Pessina si è messo in mostra soprattutto per la sua capacità di ricoprire moltissimi ruoli del centrocampo, giocando sia da mediano che da trequartista, dove ha espresso il meglio di sé. Gasperini ha iniziato ad usarlo in quella posizione dopo l’addio del Papu Gomez. Il Milan potrebbe pensare a Pessina anche per le spinose situazioni dei centrocampisti attualmente presenti in rosa.

Il contratto di Calhanoglu è in scadenza e il rinnovo è molto complicato, poiché la distanza tra domanda e offerta è ancora piuttosto ampia. Anche Brahim Diaz non è così sicuro di rimanere. Il calciatore spagnolo è al Milan con la formula del prestito secco, ma i rossoneri vorrebbero incontrare il Real Madrid per comprare il giocatore a titolo definitivo, anche se la richiesta è di 20 milioni di euro, cifra troppo alta per il Milan. Proprio per questo il club rossonero potrebbe puntare su Pessina, pagandolo la metà di quello che spenderà grazie alla clausola introdotta nel 2017. La qualificazione in Champions League sarebbe un incentivo in più per convincere il centrocampista atalantino a ritornare a Milano.

matteo-pessina

Non solo Pessina, in ballo anche Caldara

Il Milan attualmente sta solo osservando il giovane centrocampista, ma la trattativa con i bergamaschi potrebbe essere favorita dai buoni rapporti tra le due società. Uno degli ultimi affari è stato quello che ha riportato Caldara a Bergamo. Il difensore italiano è in prestito fino a giugno e ha un diritto di riscatto fissato a 15 milioni di euro, cifra che l’Atalanta non sembra essere intenzionata a pagare. Nonostante Gasperini stimi Caldara, il calciatore non si è più rivelato quello di un tempo ed è stato costretto a fermarsi per molti problemi fisici. Quest’anno ha giocato solo 8 partite, per un totale di 113 minuti.