Mourinho: la coperta è corta. Pellegrini e Dybala preoccupano la Roma

jose-mourinho

La Roma si riscopre fragile e corta. Un film già visto al quale forse tifosi ed appassionati ci sono già stati abituati: la sconfitta contro l’Atalanta chiude un periodo con più ombre che luci per Mourinho. Non solo il risultato negativo, ma anche le conseguenze che potrebbero discendere dalla serata storta dell’Olimpico. La prima causa d’ansia è chiara e porta il nome di Paulo Dybala. La seconda arriva alla guida emotiva della squadra e quindi a Lorenzo Pellegrini. Troppo importanti per Mourinho, troppo importanti per alzare il tasso tecnico della squadra, troppo importanti per uscire da un momento se non nero, sicuramente grigio.

paulo-dybala
Paulo Dybala – Foto Antonio Fraioli

Le condizioni di Dybala e Pellegrini preoccupano: Mou serve lanciare un segnale

Il campionato è più equilibrato e pazzo del solito, forse anche più di quello che ci attendevamo tutti. Tutte, almeno 6 squadre sono in corsa per un sogno, e fa specie definire come quelle più in difficoltà Juventus, Inter, Roma. Insieme, in aggiunta al Milan, non perdevano dal lontano 1955. Testimonianza che il livello si è assottigliato parecchio e che non esiste una vera regina della competizione. Alla ripresa la Roma è attesa dall’Inter di Simone Inzaghi che naviga in acque abbastanza mosse: è uno scontro diretto, a tutti gli effetti. Chi perde scende da un carro importante e sicuramente ridimensiona drasticamente le proprie ambizioni. E se Mourinho pensa all’ipotesi in cui al Meazza non ci siano né Paulo Dybala né Lorenzo Pellegrini probabilmente sbiancherà e chiederà un divano ed un bicchiere d’acqua. La fantasia della sua Roma dipendono troppo dalle giocate e dalla classe di quei due. Intanto nel post gara fomentato del match contro l’Atalanta, Mourinho si è detto speranzoso di recuperare entrambi. Da qui ai prossimi giorni probabilmente qualcuno pregherà e farà gli scongiuri. Nel caso si dovesse recare in Vaticano, sappiate che si tratta dello Special One. Serve una scossa subito: più che Josè, servono i lampi e la classe della Joya mista agli spunti del romano di Roma.