Napoli, De Laurentiis: “Con Rudi Garcia sto vivendo un momento no, ma le decisioni affrettate sono sbagliate”

aurelio-de-laurentiis

Il presidente del Napoli, Aurelio De Laurentiis, è intervenuto alla Luiss Guido Carli di Roma, ospite di un convengo di Confindustria e ha parlato dell’attuale situazione del club campione d’Italia. Si è discusso del periodo di alti e bassi della squadra partenopea e della gestione del nuovo allenatore Rudi Garcia, che dopo la sconfitta contro la Fiorentina è finito sotto il mirino delle critiche dei tifosi.

rudi-garcia
Rudi Garcia – Foto Antonio Fraioli

Le parole

“Con lui sto vivendo un momento no. Io sono un imprenditore, ho il dovere di interessarmi alla mia impresa. L’allenatore e il direttore sportivo sono al tuo servizio. Prenderò le decisioni più opportune quando sarà il momento di prenderle. La piazza non può essere condizionante. Devi fare sempre una pausa riflessiva. Ogni decisione affrettata è sbagliata. Bisogna mitigare questa esigenza di avere tutto e subito, nella vita non è possibile. Testa bassa, pedalare e lavorare. Quando prendi un allenatore che non conosce più il calcio italiano, forse fa fatica. Sarebbe accaduto a qualunque altro. L’unica responsabilità che ho oltre ad aver scelto l’allenatore è che non ho avuto la possibilità di stargli vicino”. Sulla lotta scudetto e sul casting estivo per il nuovo allenatore ha invece dichiarato: “Credo che pure quest’anno fino alla fine ce lo giocheremo. Casting estivo? Ne ho chiamati parecchi. Ho interrogato Thiago Motta, ma non se l’è sentita. Ho chiamato Luis Enrique e meno male che è andato al Psg, guardate che risultati sta facendo. Lui non mi aveva nemmeno convinto negli excursus dialettici che abbiamo avuto per tre giorni. Ne ho chiamati parecchi”.