Napoli, Insigne: “Rinnovo? Sono concentrato sulla squadra, ci pensano gli agenti”

lorenzo-insigne

In conferenza stampa, alla vigilia del match di Europa League del suo Napoli contro lo Spartak Mosca, Lorenzo Insigne ha parlato della situazione rinnovo del contratto, in scadenza a fine anno.

Ecco le sue dichiarazioni.

“Arrivo al campo sempre con il sorriso”

Contratto in scadenza? Penso solo a giocare, al campo. Per le altre questioni ci sono agente e società, parlano loro. Devo stare sereno per il bene della squadra, l’ho sempre messo davanti a tutto. E sarà sempre così. Arrivo al campo tutti i giorni con il sorriso. Per pensare al contratto c’è tempo.

Vogliamo arrivare in fondo in tutte le competizioni e cercheremo di farlo anche in Europa League. Sono sereno al di là dei gol, penso a fare bene, sono il capitano e devo dare l’esempio anche nella fase difensiva. Mi godo il momento, poi se arriva il gol sono contento, ma l’importante sono la prestazione e vincere. A noi brucia ancora non essere in Champions League e questo ci fa essere arrabbiati. Ci è mancata cattiveria l’anno scorso, a me in primis, ma il mister ci sta aiutando”.

Obiettivi stagionali

“Spalletti ha portato un qualcosa in più…la strada è lunga e bisogna lavorare tanto restando con i piedi per terra e pensando partita dopo partita. L’Europa League è una grande competizione, siamo stati bravi a pareggiare contro il Leicester. Domani sarà un’altra partita importante, l’abbiamo studiata bene. Restiamo concentrati perché loro hanno dei buoni giocatori e cercheranno di metterci in difficoltà. Non comanda nessuno tra me e Koulibaly, che siamo il capitano e il comandante, serve tutta la squadra, non solo due giocatori. Siamo da tanti anni sempre gli stessi e questo è un vantaggio. Abbiamo sempre fatto grandi partite con ottimi risultati.

Qui da noi c’è tanta qualità, alcuni giovani non sono consapevoli della loro forza, io, Koulibaly e Mertens stiamo spronando tutti. Io in campo mi diverto, non mi succedeva da tanto, e se c’è questo potremo fare grandi cose. 

Osimhen? Sappiamo le sue potenzialità, vuole sempre fare gol e noi vogliamo aiutarlo. È giovane, non mettiamogli pressioni e non facciamo paragoni. È fortissimo ma deve ancora migliorare. Io ho un rapporto con tutti, con lui meno perché non parlo inglese.

Nel Napoli siamo in tre ad aver vinto l’Europeo e tutti ci portiamo dietro il nostro bagaglio. In molti giocano in nazionale, è importante andare perché ci misuriamo con altri giocatori forti. La pagina importante di questa storia spero di scriverla quest’anno, anche se ho un anno di contratto voglio pensare solo al campo senza distrazioni. Il mio agente e il presidente stanno parlando, io sono sereno e resto concentrato solo su quest’anno per fare cose importanti”.