Napoli, Insigne illude ma non basta. De Laurentiis furioso: “Inadeguati”

In questo primo round degli ottavi di Champions League, un buon Napoli tiene testa al Real Madrid per 45 minuti, ma nel secondo tempo naufraga sotto i colpi di Kroos e Casemiro. Nel post-partita scintille tra De Laurentiis e Sarri.

INSIGNE ILLUMINA IL BERNABEU

 

Partenza col botto dei ragazzi di Sarri, che non sembrano subire il tanto temuto “effetto Bernabeu”. Nei primi minuti si mette in luce soprattutto Lorenzo Insigne, che all’ottavo trova il jolly dai 35 metri e infila il colpevole Keylor Navas. Il sogno dei partenopei dura appena 11 minuti, il tempo necessario a Benzema per incornare un assist meraviglioso di Carvajal e fissare il risultato sull’ 1-1. La rete del pareggio scuote la difesa degli azzurri che rischia di capitolare al 42esimo, quando il solito Benzema colpisce il palo graziando Reina.

Nel secondo tempo il Real Madrid ricomincia da dove aveva finito, e al 49’ trova il goal del vantaggio con Toni Kroos, perfettamente imbeccato da Ronaldo, fin lì poco incisivo. Cinque minuti dopo Casemiro chiude la partita con il gol più bello della serata:

giphy

Risultato onesto, che rispecchia i valori in campo e premia il Real Madrid, che si è dimostrato nettamente superiore all’avversario. Non tutto da buttare per il Napoli, che deve ripartire dalla rete in trasferta per tentare il colpaccio al ritorno. Sarri può ritenersi soddisfatto della partita dei suoi, anche se di tutt’altro avviso è il presidente partenopeo.

DE LAURENTIIS: “NON CAPISCO CERTE SCELTE”, SARRI REPLICA: “IN CAMPO DECIDO IO”

Nel post-partita De Laurentiis si prende la scena, e nell’intervista a PremiumSport si rivela piuttosto polemico, soprattutto nei confronti dell’allenatore:

“Si pretende troppo da chi sta rivestendo un ruolo diverso (Mertens, ndr). Io non mi permetto di dare consigli a nessuno ma non capisco certe scelte”

Più in generale, il presidentissimo del Napoli, se la prende con la squadra, deficitaria sotto il punto di vista dell’atteggiamento:

“Questa sera è mancata la “cazzimma”, l’unico che ce l’ha messa è stato Insigne. Ci è andata di lusso, data la nostra inadeguatezza potevamo prenderne 5”

Parole dure che trovano nelle dichiarazioni di Sarri una pronta replica:

“In campo sono io quello che decide, il presidente può pensare quello che vuole, anche se preferisco quando ne parla con me”