PSG, Al-Khelaifi: “Mbappé? Rifiutati 180 milioni di euro perché rispettiamo il fair play finanziario”

Il presidente del PSG, Nasser Al-Khelaifi, è stato il protagonista dell’ultima sessione di mercato estiva con il suo Paris per effetto di una campagna acquisti faraonica. Sotto la Torre Eiffel sono giunti alcuni dei migliori giocatori al mondo come Messi, Donnarumma, Sergio Ramos e Wijnaldum, per di più a parametro zero, a cui si aggiunge anche l’ingaggio di Achraf Hakimi, acquistato dall’Inter per la “modica” cifra di 70 milioni di euro.

lionel-messi

L’aggiunta di nuovi elementi in rosa non ha fatto mancare numerosi rumors di mercato anche in uscita, legati in particolare a Kylian Mbappe, deciso a non rinnovare con i parigini e, in particolare con l’arrivo di Messi, accostato a più riprese al Real Madrid. I blancos sono arrivati ad offrire 180 milioni di euro per il cartellino del classe ’98, cifra ritenuta non sufficiente da Al-Khelaifi e rispedita al mittente. Lo stesso presidente qatariota, rispondendo ad una domanda posta da un giornalista del New York Times, ha spiegato il motivo di tale scelta.

Le parole di Al-Khelaifi

nasser-al-khelaifi

 “Come si fanno a rifiutare 180 milioni di euro dal Real Madrid per Mbappè? Importa solo che il club rispetti il Fair Play finanziario. E il Paris lo rispetta”