Roma, la situazione reparto per reparto della squadra giallorossa

tiago-pinto

Finiti i festeggiamenti per la vittoria della Conference League, Tiago Pinto continua a progettare la rosa per il prossimo anno. Il portoghese avrà molto da fare per tutta l’estate, per regalare a Mourinho una squadra in grado di qualificarsi per la Champions League 2023/2024. I reparti da completare sono molti e il dispendio economico potrebbe diventare difficile da sostenere.

mile-svilar

La porta

La situazione portieri è forse la più tranquilla della rosa. Come titolare confermatissimo Rui Patricio, che proprio in finale ha salvato i giallorossi con 2 miracoli. Inoltre il Marsiglia ha concretizzato l’acquisto di Pau Lopez, togliendo un peso alla Roma.

Il secondo portiere sarà Mile Svilar, che arriverà a parametro zero dal Benfica, liberando così Fuzato che non ha convinto lo Special One. Il terzo sarà ancora Pietro Boer, promosso dalla primavera di Alberto De Rossi lo scorso anno. Se il ligure dovesse essere però mandato in prestito, verrà promosso Mastrantonio, attuale titolare delle giovanili che sta facendo benissimo.

marcos-senesi

La difesa

Il discorso difesa è legato al 90% dal modulo che Mourinho intenderà usare il prossimo anno. Nella sua prima stagione, lo Special One ha preferito non stravolgere le cose, rimanendo con la difesa a 3. Ma il prossimo anno è plausibile che si voglia tornare al canonico 4-2-3-1 “mourinhano”. Il blocco dei centrali è totalmente confermato, con Smalling ormai al top della forma, Mancini leader difensivo e Ibanez e Kumbulla a crescere dietro ai primi 2. La Roma sta trattando Marcos Senesi del Feyenoord, che i giallorossi hanno affrontato proprio nella finale di Tirana. Il difensore italo-argentino è valutato intorno ai 20-25 milioni di euro ed è la prima scelta di Pinto.

In alternativa ci sarebbe Piero Hincapié, difensore giovanissimo del Bayer Leverkusen che però verrebbe preso in considerazione in caso di cessione di Ibanez. Inoltre sono usciti dei nomi anche più infattibili come Koulibaly e Bremer, che preferirebbero altre destinazioni. L’ultimo nome caldo è stato per varie settimane è stato Kim Min-Jae, centrale del Fenerbache e accostato anche alla Lazio. A completare il tutto ci sarebbero sempre i giovani come Missori, Tripi o Keramitsis.

Sui terzini poco da dire, la fascia sinistra è intoccabile. Spinazzola e Zalewski saranno l’arma in più dei giallorossi. C’è da considerare che però il polacco ha già giocato fuori ruolo in questa stagione e addirittura spostarlo terzino puro, potrebbe andare ad intaccare le sue prestazioni. Vina è stato bocciato e probabilmente si cercherà un “compratore generoso”. A destra Karsdorp rimarrà il titolare, mentre Maitland-Niles verrà rispedito a Londra. I giallorossi vogliono puntare su Dalot o su Faraoni, ma sono trattative difficili.

maxime-lopez
Maxime Lopez – Foto Antonio Fraioli

Il centrocampo

Il reparto più confusionario è sicuramente il centrocampo. Anche qua molto dipenderà dal modulo, con molte dinamiche che potrebbero cambiare. Se si continuerà con questo modulo più che i mediani si andrà a puntare mezze ali dinamiche e prestanti fisicamente. Cristante, rinnovo permettendo, è l’unico sicuro di continuare la sua avventura nella Capitale. Veretout è in ripresa, ma potrebbe partire se arrivassero 20 milioni. Diawara è il primo sulla lista dei partenti e anche per Darboe e Bove si potrebbe ipotizzare un prestito altrove. Per Oliveira il discorso è complicato. Il centrocampista del Porto non ha convinto al 100% e resterà a Roma solo in caso di sconto dei portoghesi sul riscatto. Rientrerà poi alla base Villar, che per caratteristiche è limitato sia con il 3-5-2, che con il 4-2-3-1.

Qua andranno fatti gli investimenti più importanti, anche perché da sciogliere c’è ancora il nodo Mkhitaryan, che non ha ancora il futuro deciso. I nomi sondati sono stati molteplici. Il preferito di Mourinho sarebbe Matic, che però rende titubante la dirigenza giallorossa per motivi legati all’età. Poi c’è il sogno Douglas Luiz, che con l’arrivo di Kamara all’Aston Villa ha perso probabilmente il posto da titolare. Anche Maxime Lopez è un idea concreta, con il Sassuolo che lo valuta minimo 20 milioni. Infine ci sono i nomi meno attendibili, come Riqui Puig del Barcellona o Mandragora della Juventus.

tammy-abraham

L’attacco

In avanti si può considerare un’attaccante anche Pellegrini, capitano e sempre più innamorato della sua città e che ovviamente resterà. Discorso diverso per Zaniolo.La Roma per cederlo vuole 50-60 milioni ma attualmente nessun club si è spinto oltre i 30-40. Il ragazzo è pazzo dei tifosi e dopo il grande show del Circo Massimo è sembrato essere più romano che toscano. Però la situazione rinnovo è ancora in fase di stallo, con i giallorossi che non riescono a trovare l’accordo definitivo. Anche El Shaarawy va verso la permanenza, decisivi sono stati gli svariati gol segnati nei momenti cruciali. Carles Perez non ha convinto e si proverà ad inserirlo nell’affare Guedes per abbassare il costo fissato dal Valencia.

Afena-Gyan e Volpato sono invece da valutare. Il primo è cercato dal Sassuolo e un prestito potrebbe fargli bene. L’australiano invece è piaciuto molto a Mourinho e verrà usato come opzione di emergenza ad eventuali infortuni. Se alla fine si concretizzerà l’affare Mkhitaryan-Inter sarà contattato anche McKennie della Juventus, che i bianconeri stanno valutando di cedere per fare cassa. Lo statunitense potrebbe costare molti soldi ai giallorossi e si dovrà fare anche qua una valutazione in base al modulo, dato che l’ex Schalke ha dimostrato di essere più un trequartista.

paulo-dybala

Confermatissimo invece, l’idolo della curva Tammy Abraham. L’inglese al primo anno ha totalizzato 27 gol e 5 assist, nessun connazionale come lui. Nessuna cifra verrà valutata e se dovesse lasciare la Capitale sarà solo perché il Chelsea eserciterà la re-compra di 80 milioni a partire dal prossimo anno. Shomurodov invece è un grosso punto interrogativo. Mourinho lo ha voluto a tutti i costi, ma alla fine gli ha sempre preferito Afena-Gyan. Nelle ultime uscite ha fatto molto bene, ma si deciderà in seguito la sua permanenza. Il grande colpo potrebbe essere Paulo Dybala ma al momento la destinazione più probabile è l’Inter. I nerazzurri possono dare alla Joya, stipendio più alto e Champions League. Per questo motivo, è tornato di moda il nome di Belotti. Anche Muriel e Arnautovic sono stati sondati, ma la concorrenza è alta per entrambi.