Salernitana, Sabatini: “Ci saranno tanti acquisti. Nicola resta e Ribery vuole giocare. Cavani? Inarrivabile”

walter-sabatini

Dopo una salvezza conquistata al cardiopalma e all’ultima giornata, la Salernitana ha bisogno di programmare la prossima stagione. Walter Sabatini, da buon ds, ha già in mente un piano per provare a giocare un campionato tranquillo e senza troppi problemi, partendo con la conferma del mister, Davide Nicola. Nella sua intervista a La Repubblica, l’ex dirigente della Roma, tra le tante, ha rivelato parecchi indizi per ciò che concerne il prossimo calciomercato, anche qualche parola su Edinson Cavani.

walter-sabatini

Un campionato turbolento

“Sono arrivato a Salerno a gennaio con la squadra penultima a 8 punti, tutti mi sconsigliavano di andarci e per questo ci sono andato. Quel sentimento della paura mi teneva vivo, non avevo mai provato il terrore dell’arbitro che fischia la fine e sei retrocesso. Forse avevo patito nella Lazio di Delio Rossi, ma lì avevamo un po’ più di margine. Questa è stata una rincorsa da cuori selvaggi, tanto che ora leggo libri improbabili, ho bisogno di distendermi, di stare tra amici, di affetto per le mie coronarie”.

Gli innesti

Resto a Salerno perché mi amano di un amore folle e io ne ho bisogno. Funziona per la mia psiche. La gente mi vede, frena, parcheggia la macchina, mi saluta, mi incita, senza essere invadente. Resterà anche Davide Nicola, ci sarà da trattare un adeguamento di stipendio. Scremerò 7-8 giocatori, conosco già la tipologia che preferisce. Anche Ribery vuole giocare ancora. E puntiamo a fare un campionato più tranquillo, con meno batticuore: quando sono arrivato ci davano al 93% retrocessi, io mi sono tenuto il 7% di salvezza e me lo sono giocato con la squadra”.

Addio sogno Cavani

Cavani? Inavvicinabile per noi”.