Sassuolo, l’ad Carnevali avvicina Locatelli alla Juve: “Manuel vuole i bianconeri ma non abbiamo premura”

manuel-locatelli

L’ad del Sassuolo, Giovanni Carnevali, non è la prima volta che si sbilancia così tanto sul futuro del talento più cristallino del suo club. Manuel Locatelli non ha richieste solo dall’Italia, sponda Juventus, ma anche dall’Europa, soprattutto dall’Inghilterra. Nel corso della presentazione della squadra per la prossima stagione, infatti, il dirigente neroverde ha confermato la volontà del ragazzo di vestire la maglia bianconera, ma prima di accontentarlo, è necessario che si realizzino determinate condizioni.

manuel-locatelli

La trattativa con la Juve

“La nostra filosofia non cambia, cerchiamo di costruire una squadra che possa ottenere risultati buoni con un occhio al bilancio, perché vogliamo continuare a essere una società sana, e nel mondo del calcio non è facile: far quadrare i bilanci a volte è come vincere uno scudetto. Sono questi i nostri obiettivi. Ci devono essere le condizioni giuste: il Sassuolo è una società che vuole crescere, è ambiziosa, vuole migliorarsi sempre di più. Se c’è la richiesta di una società importante e sia da parte nostra che del giocatore c’è la possibilità di migliorarsi, allora le condizioni sono giuste. Se non ci sono le condizioni giuste, si può migliorare da noi. Se ci incontreremo ancora con la Juve? Con calma, non abbiamo premura”.

Interessi dall’estero

“Nei prossimi giorni avremo dei contatti telefonici con la Juve. Il tempo stringe è vero che il mercato è ancora lungo ma bisogna programmare bene cercando di fare in fretta per capire quali possano essere le varie soluzioni. Per Locatelli abbiamo avuto varie offerte soprattutto da società straniere come l’Arsenal e un’altra squadra inglese. Con la Juventus ci siamo già incontrati un paio di volte e a noi farebbe piacere che restasse nel campionato italiano ma alle giuste condizioni. E’ vero che il desiderio di Locatelli è di andare alla Juve poi dopo dovrà fare le sue valutazioni perché non è così semplice che si possa trovare una soluzione che possa andare bene a tutti”.