Zampa: “Serie A? Decidono FIGC e club”. Spadafora: “Non ci sono le condizioni per fermarla”

ministro-vincenzo-spadafora

Gran polverone quello che si è alzato in merito all’eventuale stop della Serie A dovuto all’ondata di positivi causa coronavirus in casa Genoa.

Vincenzo Spadafora, intercettato da LaPresse all’ingresso di Paolo Chigi, ribadisce che “Non ci sono le condizioni per fermare il campionato”.

Da Zampa parole contrastanti

Parole che fanno da contrasto da quanto detto poche prima dalla sottosegretaria alla Salute Sandra Zampa: “Il protocollo parla chiaro, il campionato di Serie A deve essere sospeso”. Per poi rettificare attraverso una nota, dove diceva che “Nel corso della mia intervista a Radio Capital ho detto che, in base al Protocollo sottoscritto dalla Federazione Italiana Gioco Calcio, i giocatori positivi al Covid-19 non possono giocare fino a quando non risulteranno negativi al tampone. Questo non significa che la Serie A vada sospesa. Saranno poi la FIGC e le Società calcistiche a decidere sui destini del massimo campionato: se facendo recuperare partite alle squadre che non potranno giocare o mettendo in campo eventuali riserve”.