Serie A, top e flop della sedicesima giornata

esultanza-sazio

Il Monday Night che ha visto affrontarsi Cagliari e Lazio ha concluso la sedicesima giornata di Serie A. La Juve ha raggiunto l’Inter a quota 39 mentre proprio i biancocelesti possono sognare in grande grazie al gol del 2 a 1 di Caicedo che li porta a 36 punti. Non buona invece la prima di Gattuso sulla panchina del Napoli, sconfitto da un gol allo scadere di Gervinho. Vediamo chi è stato protagonista in positivo e in negativo in questa giornata.

Brescia-Lecce

La vittoria per 3 a 0 del Brescia 2.0 di Eugenio Corini ha visto protagonisti in positivo i tre marcatori Chancellor, Spalek e Torregrossa. Deludente invece la partita di Balotelli che ha sciupato numerose chance durante i 90 minuti. L’attaccante italiano compare dunque tra i flop. A fargli compagnia troviamo Gabriel, per le tre reti subite ma anche per gli errori che hanno permesso agli avversari di colpire ben tre volte con la porta sguarnita.

Napoli-Parma

Come accennato in precedenza, non si è trattato dell’esordio più felice per Rino Gattuso. Un po’ come accaduto nel suo primo match da tecnico rossonero, la sua nuova squadra è stata beffata all’ultimo secondo. A fare le veci di Brignoli, autore del celeberrimo gol contro il Milan che regalò al Benevento il primo punto della sua stagione, ci ha pensato Gervinho. L’ex romanista ha battuto Meret poco prima del fischio finale, concretizzando al meglio un ottimo contropiede. È l’attaccante ivoriano tra i top insieme a Kulusevski, autore della prima rete e dell’assist decisivo. Per i partenopei, invece, si è trattata di un’ennesima gara disputata sottotono. Buona comunque la prestazione di Mertens, autore di uno splendido assist, e di Milik che aveva regalato alla sua squadra il momentaneo gol del pareggio. Forse solo il polacco ha però fatto abbastanza per essere inserito tra i top di giornata. Tra i flop invece Lozano, Zielinski, Fabian Ruiz e Insigne. Troppo grave l’errore del 24 partenopeo sotto porta per non inserirlo tra i peggiori.

Genoa-Sampdoria

L’ultima gara del sabato ha visto la lanterna ligure colorarsi di blu. La Sampdoria ha infatti battuto il Genoa con un gol di Gabbiadini allo scadere. Non è stata una gara molto emozionante e al di là del gol non si è visto molto. Da segnalare tra i top solo l’autore del gol. Compare tra i peggiori invece Ghiglione, non per la prestazione in sé e per sé ma per l’aver propiziato la rete dello svantaggio.

Bologna-Atalanta

L’inaspettata vittoria del Bologna sull’Atalanta ha come protagonisti assoluti Poli e Palacio, non solo per essere andati a segno ma per la prestazione fornita. Molto bene anche Orsolini e il difensore Tomiyasu. Dopo la grande partita di Champions, i bergamaschi sono apparsi stanchi, disputando una gara sotto le aspettative. Tra i flop compare dunque Muriel, meno pericoloso di come ci si potesse aspettare. Ennesima grande partita invece di Malinovskyi.

Juventus-Udinese

La vittoria per 3 a 1 dei bianconeri ha come protagonisti gli uomini del tridente stratosferico. Ottima infatti la partita di Dybala e Higuain, autore di un assist. Prima doppietta invece in campionato per CR7. Tra i top della giornata anche Bonucci, leader difensivo ma anche bomber in occasione del 3 a 0. Piacevole sorpresa anche Demiral. Tra le fila friulane invece è difficile parlare di flop o top, data la difficoltà della partita. Nonostante i tre gol subiti, Musso si è distinto per una serie di ottimi interventi dimostrando ancora una volta di essere tra i talenti più emergenti nel suo ruolo.

cristiano-ronaldo

Verona-Torino

Il lunch match domenicale ha reso contento indubbiamente Juric, grazie al pareggio inaspettatamente acciuffato dopo essere andati sotto di tre reti. Molto bene Ansaldi e Berenguer. I tre gol subiti non possono che farci inserire Sirigu tra i peggiori di questa sedicesima giornata. Tra i top, oltre ai due granata, compaiono anche gli autori della rimonta: Verre, Pazzini e Stepinski. 

Milan-Sassuolo

Gli uomini di Pioli non sono riusciti nel dare continuità alla splendida prestazione di Bologna. Tra i flop indubbiamente Piatek: ci si aspettava molto di più da lui dopo essersi sbloccato contro gli emiliani. Buona partita nel collettivo invece per i neroverdi ma nessuno ha brillato particolarmente. Buone comunque le prestazioni di Caputo e Boga. Considerando l’avversario e che si giocava in trasferta, il 7 in pagella ottenuto da Marlon può farci inserire il difensore tra i migliori della gara e forse anche tra i top di giornata a livello difensivo

Roma-Spal

La Roma ottiene tre punti contro l’ultima in classifica. Tra i ferraresi, buona la partita di Petagna grazie al rigore segnato e alla prestazione di sacrificio. Giocare all’Olimpico non è mai facile, soprattutto per squadre più piccole e per tale motivo la gara disputata dall’ex Atalanta può collocarlo tra i top di giornata. Male invece Tomovic, artefice di uno sfortunato autogol. In casa Roma ottima la prestazione di Perotti, non solo per il rigore concretizzato. Entra e segna Mkhitaryan. Collocare Dzeko tra i flop è eccessivo visto che con lui la squadra gioca molto meglio ma contro la Spal molti si aspettavano potesse incidere anche a livello realizzativo. Male Kolarov.

Fiorentina-Inter

Il gol realizzato e che ha permesso di strappare un punto alla prima in classifica non può non farci inserire Vlahovic tra i top e le sorprese di giornata. Male Lukaku, troppo sciupone sotto porta. Tra i migliori inaspettatamente anche Borja Valero, autore di un’ottima gara coronata dal gol contro la squadra della città che ha tanto amato.

Cagliari-Lazio

La pazza prestazione degli uomini di Inzaghi ha permesso loro di avvicinarsi ulteriormente alla vetta. Tra i flop Immobile: da uno come lui ci si aspetta sempre il gol o qualche giocata decisiva. Benissimo invece i due marcatori, Caicedo e Luis Alberto. Se il secondo è ormai una garanzia e un perno per i capitolini, Caicedo si sta rivelando sempre più importante per questa squadra, nonostante davanti abbia il capocannoniere del campionato. Impossibile non inserire i due laziali e Simeone tra i top di giornata. Deludono invece Nainggolan e Joao Pedro.