Serie B: il racconto della quarta giornata

La Serie B torna ad infestare le pagine di Ok Calciomercato con le sue palpitanti emozioni. Il campionato cadetto è pronto a turbare i sogni di tantissimi tifosi di calcio italiani. Speranze promozione, bagarre play-off, forche caudine rappresentate dai play-out e l’inferno della retrocessione in Serie C: benvenuti al racconto della quarta giornata.

La quarta giornata del campionato cadetto celebra un nuovo triunvirato in testa alla classifica: il pareggio del Carpi a Cremona, infatti, favorisce l’aggancio simultaneo di Perugia e Frosinone. Avanza in quarta posizione l’Empoli mentre si ferma nuovamente il Palermo a Foggia. Primo punto in coda per la Pro Vercelli, situazioni critiche per Salernitana, Ascoli e Bari.

VENEZIA-SPEZIA 0-0

Pareggio a reti bianche fra il Venezia e lo Spezia nel primo match che ha aperto la quarta giornata del campionato cadetto. Gli ospiti non sono riusciti a sfruttare la superiorità numerica (espulsione di Bentivoglio) al Penzo.  Gli ospiti hanno la miglior opportunità del match al 33′ con Okereke che si arrende all’ottimo intervento di Audero. I lagunari, di contro, sono molto pericolosi da fuori con Bentivoglio e Zigoni prima di subire l’inferiorità numerica. Nelle fasi finali del match, Del Grosso si supera salvando sulla linea il tentativo di Marilungo. Un posto, nessuno scontentato.

filippo-inzaghi-ok-calciomercato

CESENA-AVELLINO 3-1 (2′, 51′ CACIA, 27′ SBRISSA; 55′ CASTALDO)

Vittoria nell’anticipo del Manuzzi per il Cesena, che supera l’Avellino: per gli irpini prosegue il digiuno da trasferta. Gara ricca d’emozioni: al 2′ Jallow mette Cacia davanti al portiere, l’esperta punta fredda l’estremo difensore con un preciso fendente sul palo lontano. L’Avellino potrebbe pareggiare su calcio di rigore (fallo di mano di Cascione su cross di Laverone) ma Ardemagni calcia il penalty centrale perdendo il confronto diretto con Fulignati. Goal sbagliato, goal subuto: al 27′ la sponda di Cascione trova il rinvio imperfetto di Laverone, sulla sfera vacante arriva Sbrissa che insacca facilmente il doppio vantaggio per il club guidata da Camplone. Nella ripresa, il palo colto da Ardemagni è il preludio al tris dei padroni di casa: al 51′ Cacia batte nuovamente Lezzerini con un preciso tocco di punta. Il goal della bandiera per gli irpina arriva dagli undici metri: Castaldo, stavolta, è più preciso del suo compagno di riparto e sigla il 3-1 finale. Nel finale Castaldo potrebbe siglare la sua personale doppietta ma il palo gli nega tale gioia. Prima vittoria in campionato per i romagnoli che salgono a quota 4 uscendo, momentaneamente, dai bassifondi. Si ferma a 6, invece, la creatura di Walter Novellino.

daniele-cacia-ok-calciomercato

BRESCIA-PRO VERCELLI 0-0

Pareggio a reti bianche fra Brescia e Pro Vercelli al Rigamonti. Poche emozioni in una gara tirata e governata dal timore delle due squadre: nel primo tempo gli ospiti sembrano più intraprendenti ma le poche sortite offensive non ricavano la rete del vantaggio per Grassadonia. Nella ripresa i ragazzi di Boscaglia provano con più insistenza andando vicini al vantaggio con il gran fendente di Machin che si perde di poco a lato. I lombardi salgono a quota 5 mentre la Pro festeggia il primo punto del torneo. Da festeggiare, però, c’è ben poco. Per entrambe le società.

brescia-pro-vercelli-ok-calciomercato

CREMONESE-CARPI 1-1 (1′ BRIGHENTI; 34′ MBAKOGU)

La capolista Carpi viene bloccata sul pari da una buona Cremonese. Partono forte i padroni di casa trovando il vantaggio dopo sessanta secondi: discesa Mokulu che pesca magistralmente Brighenti a centro area, il calciatore di Tesser calcia indisturbato verso la porta di Colombi cogliendo l’angolino alla sua sinistra. Il Carpi si affidata ai calci piazzati per portare pericoli dalle parti di Ujkani ma al 34′ riesce a pervenire al pareggio: grande verticalizzazione di Concas sulla corsa di Mbakogu, il nigeriano è abile a scavalcare in pallonetto il portiere albanese grigiorosso firmando il pari. Nel secondo tempo partono bene gli emiliani cogliendo il palo al 63′ con Concas; al 69′ Paulinho pareggia il conto dei legni colpendo il montante con un gran tiro. Partita che resta vivace: Mokulu e Cavion tentano di vincerla ma Colombi è attento e disinnesca le minacce. Il Carpi di Calabro resta in testa insieme, stavolta in coabitazione mentre la Cremonese raggiunge quota 7

andrea-brighenti-ok-calciomercato

EMPOLI-ASCOLI 3-0 (34′ DONNARUMMA, 49′ CAPUTO, 85′ NINKOVIC)

L’Empoli annienta l’Ascoli al Castellani deliziando il pubblico di casa. Al 14′ Simic prova la gran botta dai trenta metri, pallone alto di poco sulla traversa. Al 29′ Krunic parte alla grande a destra,f fuori un uomo, la mette dentro per Caputo che ha di fatto un rigore in movimento ma l’attaccante azzurro spara sulle gambe di Cignaglia che salva il risultato per i suoi. È il preludio al vantaggio: al 34′ Pasqual scappa sulla fascia e mette al centro, Donnarumma aggancia alla perfezione e fredda Lanni sul palo lontano. Avanti gli uomini di Vivarini. Nel secondo tempo l’Empoli mette al sicuro il match: al 49′ Krunic per Untersee che pesca Caputo in area, la punta deve soltanto depositare in rete a porta vuota. I marchigiani si scuotono ma Favilli fallisce due clamorose palle goal per riaprire parzialmente il match; al 84′ contropiede dell’Empoli, Lanni ipnotizza Ljac a tu per tu col portiere ascolano. Sull’azione successiva i toscani calano il definitivo tris: Ninkovic buca per la terza volta la porta ascolana con un tiro sporcato dalla difesa bianconera. Con la vittoria odierna, i ragazzi di Vivarini salgono  a quota 8 mentre la compagine guidata da Maresca resta ferma a 3 punti.

alfredo-donnarumma-ok-calciomercato

FOGGIA-PALERMO 1-1 (42′ NICASTRO; 80′ MURAVSKI)

Pareggio che non soddisfa nessuno allo Zaccheria fra Foggia e Palermo. Partita divertente nel primo tempo giocata bene da entrambe le squadre: Coronado tenta l’azione personale sfidando l’intera difesa foggiana, appena entrato in area l’ex Trapani scaglia verso Guarna che è costretto a superarsi per deviare in angolo. Il Foggia non sta a guardare: Fedato sfugge e mette al centro trovando la deviazione aerea di Nicastro, pallone di poco alto fuori. Il Foggia cresce in intensità e convinzione e legittima la sua supremazia con il legno colto da Mazzeo con il sinistro, ingenuo Struna nel farsi aggirare, e concedere la conclusione, con l’avversario spalle alla porta. Al 42′ la squadra di Stroppa passa: la combinazione Rubin-Fedato libera al tiro Nicastro, il pallone supera Posavec per il vantaggio foggiano. Nel secondo tempo si fanno preferire i ragazzi di Tedino: al 52′ Nestorovski impegna Guarna con un gran tiro mentre al 55′ Coronado serve un grande assist a Trajkoski che calcia al volo sfiorando il palo. Al 60′ azione personale di Coronado: il traquartista del Palermo arriva fino al limite dell’area foggiana e cerca un tiro di punta in anticipo, ma Guarna è pronto e reattivo. Al 80′ i siciliani giungono al meritato pareggio: azione prolungata del Palermo sulla destra. Gnahorè di prima libera ai venti metri il neoentrato Murawski che di destro supera l’incolpevole Guarna con un tiro a fil di palo. Negli ultimi minuti Embalo potrebbe firmare il clamoroso sorpasso ma la sua conclusione risulta potente ma poco precisa. I rosanero salgono a quota 6 mentre il Foggia incamera il secondo punto del torneo.

francesco-nicastro-ok-calciomercato

FROSINONE-BARI 3-2 (5′ AUT. CASSANI, 31′ CIOFANI, 71′ SAMMARCO; 15′, 29′ IMPROTA)

Sul neutro di Avellino, Frosinone e Bari danno vita ad un match incredibile, ricco di colpi di scena. Al 5′ si registra il primo: Ciano mette al centro un cross apparentemente innocui, Cassani tenta di liberare l’area di testa ma trafigge involontariamente il proprio portiere. I pugliesi si ribellano alla malasorte dopo dieci minuti: Improta, di punta, batte Bardi cogliendolo in controtempo sul suo palo. Floro Flores tenta di sorprendere la difesa frusinate da calcio piazzato ma, poco dopo, è Improta a scavalcare i laziali su rigore siglando il 1-2 al 29′. Il Bari non ha nemmeno il tempo di rendersi conto del vantaggio: Micai, sull’azione successiva, sbaglia clamorosamente permettendo a Ciofani il tap-in vincente. Il secondo tempo vede partire forte i ragazzi di Grosso ma al 71′ il Frosinone sigla il definitivo 3-2: gran tiro di Ciano respinto da Micai, sulla palla vacante arriva Sammarco che corregge in rete siglando il suo primo goal in campionato. Il Bari si spegne, il Frosinone controlla fino alla fine. I ciociari volano a quota 10 in testa alla classifica mentre il Bari sprofonda al diciottesimo posto con 3 punti. Grosso rischio per l’ex juventino?

Daniel-Ciofani-Ok-Calciomercato

NOVARA-CITTADELLA 1-0 (94′ DI MARIANO)

All’ultimo respiro il Novara riesce a piegare il Cittadella fra le mura amiche del Piola. I granata dominano il match ma non riescono a trovare la via della rete per tutto il primo tempo. I piemontesi si rendono pericolosi una sola volta con Macheda che di testa non centra lo specchio della porta da pochi passi. Arrighini, nel secondo tempo, impegna seriamente Montipò per due volte. La svolta della gara si manifesta ai titoli di coda: Di Mariano, entrato nella ripresa e già pericoloso in un paio di circostanze, condanna i granata, quando il cronometro già il segna il 94’. L’attaccante esterno finta su Caccin e non dà scampo a Paleari, infilandolo con un preciso destro a rientrare. Il Novara vola a quota 6 mentre il Cittadella resta a 4 punti.

francesco-di-mariano-ok-calciomercato

PERUGIA-PARMA 3-0 (16′ HAN, 51′, 67′ BONAIUTO)

Perugia travolgente e primato assicurato. Al Curi, gli umbri distruggono le velleità di vittoria di un Parma irriconoscibile. Gli uomini di Giunti vanno vicinissimi al goal ad inizio match con Di Carmine ma il tiro della punta umbra termina di poco a lato. È il preludio al vantaggio: al 16′ Han raccoglie un traversone e batte di testa Frattali. Il Parma sfiora il pareggio al 26: tiro di Dezi, colpo di testa di Gagliolo davanti alla porta ma il pallone vola troppo alto. Nel secondo tempo Bonaiuto mette in scena il suo personale show con due reti praticamente uguali: in entrambe le azioni, il classe 1992 parte dalla metà campo avversaria, salta Gagliolo in dribbling e dal limite dell’area trova l’angolo basso alla sinistra del portiere di D’Aversa. Ceravolo, negli ultimi minuti, cerca di regalare il goal della bandiera ai suoi ma il tentativo termina malinconicamente alto. Primato per gli umbri, i ducali restano a quota 6.

kwang-han-ok-calciomercato

SALERNITANA-PESCARA 2-2 (25′ CAPONE, 72′ PETTINARI; 78′ SPROCATI, 91′ MINALA)

Pareggio incredibile all’Arechi di Salerno fra i padroni di casa della Salernitana ed il Pescara di Zeman. La Salernitana pressa nei primi minuti ma il “Delfino” prende il sopravvento e passa in vantaggio al 25′: Zampano scappa sulla fascia e mette al centro trovando puntuale l’incursione di Capone per il vantaggio abruzzese. Nelle ripresa i padroni di casa vanno vicinissimi al pareggio: Sprocati calcia battendo Pigliacelli ma sulla linea di porta interviene miracolosamente Perrotta cancellando il pareggio. Lo spavento sveglia i biancazzurri che pungono nuovamente la difesa casalinga: azione zemaniana con Brugman che serve Benali, il calciatore africano mette in mezzo per Pettinari che da zero metri deve solo soffiare il pallone in rete. 0-2 e giornata che sembra da dimenticare per i granata. Zeman, però, ci stupisce sempre: al 78′ Sprocati riceve palla e dal limite dell’area disegna un arcobaleno perfetto che muori alle spalle dell’estremo difensore ex Roma. Sul finale di match, la Salernitana agguanta il pari: punizione calciata in area deviata sotto misura da Minala, dimenticato dalla difesa pescarese, e risultato congelato sul 2-2. La Salernitana aggiunge un punto assestandosi a quota 3 mentre il Pescara maledice la sorte, ed i soliti errori, appollaiandosi a 5 punti in classifica. Il distacco dalla testa inizia a farsi già consistente.

mirko-pigliacelli-ok-calciomercato

VIRTUS ENTELLA-UNICUSANO TERNANA 3-1 (3′ ERAMO, 55′ LUPPI, 60′ AUT. GASPARETTO ; 29′ MONTALTO)

Prima vittoria in questa Serie B per la Virtus Entella che batte in casa la Ternana. Al 3′ si sblocca subito il match: Luppi serve Eramo che batte senza difficoltà l’estremo difensore umbro. Gli umbri rispondono al 29’, quando Angiulli crossa per Montalto che di testa non sbaglia a pochi passi da Iacobucci e pareggia. L’Entella, complice la vivacità di De Luca, riesce a tornare avanti al 55′ con Luppi, l’ex Modena è lesto a girare in rete un ghiotto invito di Troiano per il 2-1. Cinque minuti dopo è Gasparetto a correggere nella sua porta un cross dei liguri fissando il risultato sul 3-1 finale. La Virtus incamera tre punti arrivando a quota 4 in classifica, uno in meno della Ternana.

davide-luppi-ok-calciomercato