La sorpresa Cagliari: i segreti della squadra di Maran

Nella 12° giornata di Serie A spicca il 5-2 del Cagliari sulla Fiorentina. Questo risultato sancisce l’ennesimo record conseguito dalla squadra sarda in questa stagione. Contro la viola, infatti, gli uomini di Maran hanno mandato a segno cinque marcatori diversi nella stessa gara: Rog, Pisacane, Simeone, Joao Pedro e Nainggolan.

Come gioca il Cagliari?

Chi sono i veri protagonisti del fenomeno Cagliari? Simeone, innanzitutto. Arrivato nelle ultime ore della scorsa sessione di mercato, dopo l’infortunio al legamento crociato di Pavoletti, l’argentino ha rappresentato per Maran il cardine su cui modificare la fase offensiva. Così l’allenatore ha modellato un attacco non più incentrato sui cross per gli stacchi di Pavoletti, ma sugli attacchi in profondità dell’argentino affiancato da Joao Pedro e Nainggolan, con i due trequartisti, che sono il vero fulcro creativo della squadra. Il Cagliari è anche e soprattutto una squadra che fa della solidità difensiva la sua principale forza. Con 12 gol subiti è la seconda miglior difesa del campionato dietro solo alla capolista Juventus. In aggiunta l’allenatore si può godere lo splendido momento di forma del portiere Robin Olsen ormai lontano anni luce dalle prestazioni non certo esaltanti alla Roma.

joao-pedro

La rivelazione di questo campionato

Altra statistica che salta all’occhio sono le 7 vittorie nelle dodici partite iniziali della stagione, dove spiccano lo 0-2 di Bergamo contro l’Atalanta e lo 0-1 contro il Napoli. Lo stesso numero di vittorie, che i sardi avevano realizzato nelle prime dodici gare del campionato 1969/70, anno in cui il grande Cagliari di Gigi Riva conquistò uno storico scudetto. Sono passati cinquant’anni e, con una buona dose di certezza, per ora lo scudetto non tornerà in Sardegna. Tuttavia non dobbiamo dimenticarci che questo Cagliari, a zero punti dopo primi 180 minuti, è la squadra che ha fatto più punti (dieci) rispetto alla scorsa stagione e, anche per questo, è degna del titolo di rivelazione assoluta in questo campionato.

Un Cagliari europeo

Il Cagliari fa sul serio. Dopo la sconfitta in casa con l’Inter ha intrapreso una striscia positiva impressionante: 10° risultato utile consecutivo, 3ª vittoria di fila, 4ª nelle ultime cinque partite. Anche senza il contributo, causa infortunio, di Pavoletti e Cragno la squadra detiene il quarto gradino della classifica a parità di punti con la Lazio e si trova in piena zona Europa. Ogni volta che va in vantaggio la squadra pensa a segnare un altro gol, raramente si difende ad oltranza. C’è una nuova mentalità che pervade la Serie A e il Cagliari, dopo l’Atalanta, la rappresenta nella maniera migliore. Qualcosa sta cambiando, e il calcio italiano sembra finalmente un po’ più “europeo”.