Roma, Fonseca: “Contrario alla Superlega”. Atalanta, Gasperini: “Per fortuna c’è il calcio giocato”

paulo-fonseca

Lo scioglimento della Superlega ha fatto contenti molti esponenti del calcio giocato, come gli allenatori delle società escluse.

Fonseca, allenatore della Roma, e Gasperini, mister dell’Atalanta, hanno mostrato il loro dissenso verso questa competizione nelle rispettive conferenze stampa.

paulo-fonseca

“Posizione della Roma mi rende orgoglioso”

Fonseca afferma che “Sono contrario come quasi tutti gli allenatori. Sono felice di far parte del mondo del calcio, abbiamo dimostrato che i soldi non sono importanti: contano i tifosi, i calciatori e gli allenatori. Sono totalmente contrario alla Superlega e la posizione della Roma mi rende orgoglioso“.

gian-piero-gasperini

“Bravi i tifosi”

Gasperini ha invece parlato cosi: “Sono anche un po’ sbarellato dalla vicenda Superlega. Oggi quel che resta è la grande ammirazione per quello che hanno detto Guardiola, Klopp, De Zerbi, per quanto fatto dai tifosi del Chelsea, del Liverpool. Bella la reazione della gente, bello che siano stati anche i tifosi a bloccare tutto e i tifosi non dimenticano in fretta. Ma non nascondo che nello spogliatoio se n’è parlato tanto e oggi posso dire: per fortuna che domani si gioca a Roma, per fortuna che c’è il calcio giocato. Lunedì sembrava non servisse più a niente giocare, ci siamo chiesti anche se si sarebbe giocato ancora. Ora ci sentiamo addosso ancora più forza per dimostrare di meritare quello che abbiamo. Le parole di Ceferin? Fino a due giorni fa non avevo mai sentito parlare tanto di meriti sportivi: si insisteva solo sull’importanza di raggiungere obiettivi perché è fondamentale l’aspetto economico. Mi posso augurare che, dopo tutto questo, possa succedere che performance come le nostre e di altri club come noi possano essere più frequenti. Tutto quello che abbiamo ottenuto, l’abbiamo ottenuto sul campo. E ne siamo orgogliosi”.