Tre ex a “Legends – Ci vediamo a Napoli”. Giordano: “La squadra andrà in Europa League”. Bogliacino vota De Zerbi

legends

La vittoria contro il Monza ha risollevato il morale del Napoli, ma la stagione è ormai compromessa. I risultati ottenuti, considerando lo scudetto cucito sul petto, incorniciano un’annata da dimenticare per i campioni d’Italia, che però hanno l’obbligo di onorare fino in fondo un campionato che può ancora garantire un posto in Europa. La vittoria contro i brianzoli, le speranze europee e il prossimo impegno contro il Frosinone alcuni dei temi al centro della nona puntata di ‘Legends – Ci vediamo a Napoli’, programma prodotto dalla Media Company Nexting e da Sportface in onda su Sportitalia (canale 60 del digitale terrestre) e NapoFlix (canale 86), oltre che on demand sulla piattaforma Sportface TV (tv.sportface.it).

La padrona di casa Jolanda De Rienzo, accompagnata dai fedelissimi compagni di viaggio Alessandro Renica e Raffaele Di Fusco, ha accolto in studio due ex giocatori del Napoli: Bruno Giordano e Fabiano Santacroce. Collegato dall’Uruguay, inoltre, Mariano Bogliacino.

I gol del Napoli a Monza? Il massimo per un attaccante è quello fatto da Osimhen. Forse quello di Politano è più bello, ma quello di Victor è quello che preferisco”.Queste le parole di Bruno Giordano. Le reti sono arrivate tutte nella ripresa, probabilmente figlie di un confronto all’intervallo tra l’allenatore Francesco Calzona e i giocatori, che secondo Fabiano Santacroce “ha fatto bene a tutti, a cominciare da Osimhen, che poi, è stato anche servito molto meglio. Sono cose che servono. La squadra per essere viva ha bisogno anche di ciò. Quando si perde quel mordente, invece, è finita”.

Il successo sul Monza dovrà essere un trampolino di lancio in vista del prossimo match, quello contro il Frosinone. Difficile puntare ancora ad un posto in Champions League, perché, come spiega da Giordano, “dipende molto dalle altre squadre, mentre credo che il Napoli abbia grandi possibilità di prendere parte alla prossima Europa League”.Più scettico Raffaele Di Fusco: “Credo che, al massimo, gli azzurri possano aspirare alla Conference League. Purtroppo sono stati persi troppo punti, come quelli con Cagliari e Torino, per sperare in qualcosa di più. Alla Champions non ho mai creduto“.

Dalla qualificazione in Europa dipenderà, in parte, anche la scelta del prossimo allenatore. Tanti i profili sondati, su tutti quello di Antonio Conte. Un’operazione che per Alessandro Renica “ha un costo abbastanza proibitivo. Se invece si riuscisse a superare l’ostacolo economico, spero che il suo carattere non si scontri con quello di De Laurentiis o con la piazza”.Su Conte si esprime anche Santacroce: “Sicuramente porterebbe un tipo di entusiasmo diverso e soprattutto la consapevolezza di poter lavorare bene fin da subito. Vincenzo Italiano? Vista la minore esperienza a certi livelli, potrebbe essere messo un po’ più in secondo piano rispetto a una figura carismatica come quella del presidente”. Per Mariano Bogliacino invece, il candidato ideale sarebbe Roberto De Zerbi: “Mi piacerebbe molto. Si sta imponendo alla grande in Inghilterra e fa piacere veder giocare le sue squadre. Gli faccio i complimenti perché sta facendo una carriera bellissima“.