UEFA, Ceferin: “Chi giocherà la Superlega sarà escluso da Mondiali ed Europei”

aleksander-ceferin

La UEFA non ci sta. Si scatena la battaglia tra la massima organizzazione del calcio europeo e i club fondatori della Superlega.

Ceferin attacca la Superlega

Il presidente UEFA, Aleksander Ceferin, dichiara in conferenza stampa: “I giocatori che parteciperanno alla Superlega saranno esclusi da Mondiali ed Europei. Sarà vietato loro giocare per la rispettiva nazionale. La UEFA e il mondo del calcio sono uniti contro questa proposta orribile che è stata portata avanti da pochi club europei che seguono soltanto idea dell’avidità. Il mondo del calcio unito, governi uniti, tutti uniti contro questo progetto senza senso“.

aleksander-ceferin-uefa-ok-calciomercato

E ancora: “UEFA distribuisce il 90% dei ricavi reinvestendoli nel calcio. UEFA non è solo una questione di soldi, la Superlega sì. Sono gli interessi di una dozzina, non vorrei chiamarli quella sporca dozzina. Il principio di base non può cambiare, la solidarietà è qualcosa di eterno. Ma per qualche persona la solidarietà non esiste, l’unica cosa che esiste è il denaro nelle loro tasche. Vorrei ringraziate tutta la famiglia del calcio, anche i club, tranne quei 12. E grazie ai governi. Questa idea è uno sputo sul viso di quelli che amano il calcio. Non lasceremo che ci portino via il calcio“.

Ceferin scatenato: “Sospenderemo al più presto le 12 squadre. Agnelli la delusione più grande, mai visto nessuno che mi mentisse così di continuo. Avevo parlato con lui sabato pomeriggio, mi aveva detto solo che erano voci, di non preoccuparmi, che mi avrebbe chiamato in un’ora. E invece ha spento il telefono ed è fuggito dai 247 club che rappresentava, mai vista una cosa del genere. L’avidità è cosi’ forte che sconfigge tutti i giusti valori umani“.

Dopodiché un leggero passo indietro: “Non ho detto che questi club sono banditi dal calcio europeo per sempre ma il loro modo di agire è stato terribilmente sbagliato. Agnelli aveva definito la nuova Champions ‘un progetto fantastico’, dal quale però e’ fuggito. Se volessero tornare, direi loro: ‘Bentornati in questo progetto fantastico’. Non c’è niente di personale, forse con Agnelli sì, ma non voglio che tornino in ginocchio per essere ripresi, solo che ci mostrino rispetto e finora non ne ho visto molto“.