UEFA, Ceferin: “Superlega? Non lasceremo che l’avarizia si impossessi del nostro sport”

aleksander-ceferin

In occasione del congresso UEFA, tenutosi nella giornata di oggi martedì 20 aprile, il presidente Ceferin ha rilasciato ulteriori dichiarazioni, commentando la situazione relativa alla Superlega. “Dobbiamo mantenere il sogno vivo. I grandi club non erano grandi un tempo e non c’è garanzia lo siano in futuro. Il calcio non è prevedibile, questo lo rende così popolare. Guardate al Manchester United prima di Ferguson, la Juventus era in Serie B quindici anni fa. Il calcio ha bisogno di squadre come Atalanta, Celtic, Dinamo Zagabria. Con questo sistema non avremmo avuto Nottingham Forrest, Amburgo, Porto, Stella Rossa. Alcuni non capiscono, se non guardando al conto in banca. Chi pensa di essere intoccabile dovrebbe ricordare da dove viene e ricordare che se oggi è grande è in parte merito dell’Uefa”.

aleksander-ceferin

“Grande errore da parte di chi ha deciso di parteciparvi”

Dopo aver encomiato i dirigenti di Lione, PSG e Bayern Monaco per non aver preso parte all’ambizioso e cinico progetto, Ceferin si è rivolto ai rappresentanti di alcuni club inglesi presenti: “Avete fatto un grande errore. Qualcuno dice che sia avarizia. Arroganza. O ignoranza del calcio inglese. Non importa. Importa che c’è ancora tempo per tornare indietro. I tifosi inglesi meritano rispetto. I governi, i tifosi, i media sono con noi. Gli permetteremo di prendere il calcio? No, credetemi. Non perderemo questa partita. In tempo di crisi, l’umanità può andare verso gli interessi personali o la solidarietà. Abbiamo scelto la solidarietà ed è la giusta scelta, non ce ne pentiremo”.